Udinese-Sampdoria, Ramirez ha il piede caldo: così si battono i bianconeri

Ramirez Sampdoria
© foto Valentina Martini

Udinese-Sampdoria non sarà una partita facile: i bianconeri, a tre punti in classifica, cercheranno di imbrigliare la partita

La Sampdoria è stata perfetta contro il Milan. È stato lo stesso Fassone a sottolineare la bravura di Giampaolo e dei suoi uomini di imbrigliare qualsiasi azione d’attacco dei rossoneri. Ora, a due giorni dalla sfida contro l’Udinese, l’impressione è che la squadra di Delneri si stia preparando per cercare di replicare quanto fatto dai blucerchiati. Sulla carta i paragoni non reggono: la Sampdoria è più forte, organizzata, capace non solo di vincere ma anche di recuperare lo svantaggio. L’Udinese, invece, è una compagine che ha avuto molti problemi, a partire dal calciomercato che l’ha fortemente penalizzata. Gli infortuni, poi, non hanno dato tregua a Delneri che si presenterà all’appuntamento con più di qualche dubbio. Innanzitutto in difesa mancheranno Danilo e Widmer, il primo a livello di copertura avrebbe dato più di una garanzia al tecnico, mentre il secondo offensivamente avrebbe potuto recare più pericoli difesa avversaria. Gli interpreti presenti, comunque, metteranno in atto la partita della vita, difensivamente parlando, e per questo motivo la Sampdoria dovrà essere pronta a più soluzioni di gioco.

La prima strategia da attuare, essendo gli esterni bianconeri non esattamente irresistibili, è portare l’attacco a spingere sulla fascia. In quest’ottica potrebbe diventare determinante Praet. La mezz’ala contro il Milan ha fatto vedere delle buonissime progressioni e non escludiamo che possa essere la partita dove arriverà a segnare. Se il belga dà certezze, sia che si accentri e provi ad andare al tiro dalla distanza, sia che tenga il pallone vicino alla bandierina del calcio d’angolo, altri tre giocatori da cui aspettarsi meraviglie sono ovviamente Caprari, Zapata e Quagliarella. È la gara degli ex, in un certo senso, perché a parte il numero nove, gli altri due centravanti hanno vestito la maglia bianconera. Il momento di forma candida il colombiano a essere uno dei più pericolosi per le retrovie e la porta difesa da Bizzarri. Da lui è facile aspettarsi il taglio al centro per sfruttare qualche assist ben piazzato dei compagni di reparto. In mezzo ci saranno Nuytinch e Angella a fare da muro davanti alla porta: il primo ha dimostrato di allungarsi spesso in zona di attacco e per questo sfruttare una ripartenza con i bianconeri scoperti potrebbe essere una seconda opportunità di trovare il gol. La Sampdoria dovrà poi essere pronta a cambiare in corsa: Caprari, caldeggiato per un ingresso a partita in corso, grazie alla sua velocità e controllo della palla potrebbe cambiare gli schemi della partita.

La Sampdoria segna molto, ma sono ancora pochi i gol da centrocampo: Alvarez ha aperto le danze facendo gol al Milan, ma i tifosi sentono nell’aria che presto arriveranno anche le marcature di Ramirez. L’uruguaiano potrebbe essere l’ago della bilancia per far pendere lo scontro in favore dei blucerchiati. La sua capacità di vedere le trame di gioco potrebbe avere esito diverso nel momento in cui si trovi davanti un avversario di minor livello come la squadra allenata da Delneri. Ultimo, ma non da ultimo, Barreto: lo abbiamo visto ispirato nel match contro i rossoneri e un suo gol, magari da fuori area, potrebbe aprire nuove possibilità alla Sampdoria. L’unica soluzione ancora poco sfruttata dai blucerchiati sono le conclusioni da calcio piazzato: difficile non pensare che non saranno vittime dei falli degli avversari.