Coronavirus, Arcuri: «Nessuna pressione sulle terapie intensive italiane»

Coronavirus
© foto Twitter

Domenico Arcuri, commissario per l’emergenza Coronavirus, ha parlato della situazione delle terapie intensive in Italia

Domenico Arcuri, commissario per l’emergenza Coronavirus, ha lasciato alcune dichiarazione in merito alla pressione che viene esercitata attorno alle terapie intensive in Italia.

LEGGI ANCHE – Da Pioli a Giampaolo: quanti tecnici in ansia per il Coronavirus

«Al picco abbiamo avuto nel nostro Paese circa 7 mila pazienti in rianimazione, duemila di più della totale capienza dei reparti. Oggi abbiamo circa 10 mila posti di terapia intensiva e arriveremo a 11.300 nel prossimo mese. Attualmente ci sono circa 3.300 ricoverati per Covid in terapia intensiva quindi la pressione su questi reparti non c’è».