Coronavirus, Marotta: «Nazionali? Vanno ridotte gare senza rilevanza»

marotta inter
© foto www.imagephotoagency.it

L’ad dell’Inter, Beppe Marotta, ha parlato dell’emergenza Coronavirus, soffermandosi sulle amichevoli delle Nazionali

Beppe Marotta, ex dg della Sampdoria e attuale amministratore delegato dell’Inter, ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito all’emergenza Coronavirus, soffermandosi sulle amichevoli delle Nazionali. Ecco le parole rilasciate nel corso di Glocal 2020, il Festival del Giornalismo organizzato da VareseNews.

LEGGI ANCHE – Serie A, biglietti e abbonamenti non a norma: Antitrust contro 8 club

«Se ci sono amichevoli di poca importanza, i giocatori vanno dosati. Soprattutto che davanti al fatto in ua situazione di emergenza anche le competizioni vengano ridotte. Quando si parla di Mondiali e Europei non si dice nulla, ma quando vengono fatti tornei che non hanno rilevanza anche dal punto di vista dello spettacolo allora cerchiamo di limitare le convocazioni. L’obiettivo è che le leghe recepiscano queste difficoltà, portando la discussione al tavolo della Fifa e dell’Eca, questo era il mio messaggio, a tutela anche degli stessi giocatori. Perché poi ci si trova davanti a un caso come Croazia-Turchia, con un giocatore positivo messo in campo perché non era ancora arrivato il tampone»