Coronavirus, Perin si sfoga: «Virus creato in laboratorio»

© foto www.imagephotoagency.it

Risultato negativo all’ultimo tampone, il portiere del Genoa Mattia Perin ha raccontato il suo punto di vista sul Coronavirus

Il portiere del Genoa Mattia Perin, risultato positivo al Coronavirus lo scorso 26 settembre e guarito pochi giorni fa, si è sfogato durante un’intervista per Repubblica, sbilanciandosi sulla natura del virus che sta colpendo il mondo.

«Siamo molto scrupolosi, nessuno toglie la mascherina: poi è chiaro che in campo veniamo a contatto, è inevitabile. Questa è una malattia subdola, la puoi prendere in taxi, oppure schiacciando il bottone di un ascensore. Il 21 settembre mi recai a Torino per rivedere mia moglie e i bambini, era un lunedì: al contrario di quanto è stato detto, non esiste alcuna evidenza che io abbia contratto il Coronavirus proprio quel giorno. La pandemia? Resto convinto che tutto sia nato in laboratorio e non dalla trasmissione animale».