Connettiti con noi

Focus

Crotone Sampdoria: top e flop del match VOTI

Francesca Faralli

Pubblicato

su

sampdoria

Crotone Sampdoria, i top e i flop del match della 32a giornata del campionato di Serie A: Quagliarella è una certezza, Ferrari fatica

La Sampdoria si conferma tra le mura del Scida e batte il Crotone in occasione della 32a giornata del campionato di Serie AI top e i flop del match.

LEGGI ANCHE – Crotone-Sampdoria: gli highlights del match


Crotone-Sampdoria: i top del match

Quagliarella 7,5 – Funziona il dialogo con Gabbiadini, sfiora il vantaggio al settimo, proprio grazie all’assist del compagno di reparto. Si danna, come sempre, per conquistare ogni pallone. É il giocatore che calcia più volte verso la porta e sembra che la sua energia sia infinita. Il capitano blucerchiato è eterno e segna il gol dello 0-1 sul perfetto servizio dell’ex Napoli ad inizio ripresa. Il Crotone è la sua 29a vittima in trasferta in Serie A.

Gabbiadini 6,5 – Il 23 blucerchiato lotta e porta via uomini, lasciando la possibilità agli esterni e a Quagliarella di giocare palla a terra. Preziosissimo anche nel guadagnare tante punizioni che permettono alla squadra di alzare il baricentro. L’attaccante aggiunge, ad inizio ripresa, alla sua grinta anche la qualità. Ruba palla a Luperto e offre un pallone al bacio per il 27 che deve solo spingere la palla in porta.

Colley 6,5 – Il gambiano guida, come sempre, la difesa dei liguri ed è molto attento sui principali spauracchi avversari, Simy e Messias. Sembra sicuro anche del dialogo con i compagni di reparto. Il 15 pare aver preso sicurezza e cerca di tenere alta la squadra e, spesso, nel secondo tempo, prova a fare il regista e ad anticipare i palloni in verticale per velocizzare la manovra della Samp. Attente sulle palle alte.


Crotone-Sampdoria: il flop del match

Ferrari 5,5 – Il difensore rientra tra i titolari dopo oltre un mese, ma è costretto, visto il forfait di Bereszynski, a giocare da terzino destro. Inizia con fatica e i cross più pericolosi dei calabresi arrivano proprio dalla sua parte. Chiude un primo tempo in apnea con un cartellino giallo. Nella ripresa lascia colpevolmente scorrere Messias e ci vuole il guizzo di Audero per evitare un grave pericolo. Gara da rivedere per lui.

 

Advertisement