Dal no in estate alla vendetta: Zaza sfida la Samp

© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria-Torino è la partita degli ex: da De Silvestri a Soriano. Il più atteso è Zaza, dopo la beffa nel mercato estivo

La Sampdoria si prepara ad affrontare il Torino, partita in programma il 4 novembre alle ore 15.00 tra le mura del “Ferraris”. Sarà una gara difficile: la squadra di Walter Mazzarri viene da due pareggi consecutivi contro Fiorentina e Bologna, la Sampdoria dalla sconfitta maturata contro il Milan a “San Siro”. Sarà anche la partita degli ex, perché in granata oltre al mister ci sono diversi giocatori che hanno vestito la maglia blucerchiata: Lorenzo De Silvestri, Roberto Soriano ma soprattutto Simone Zaza. L’attaccante avrebbe potuto fare ritorno alla Sampdoria nell’ultimo giorno di mercato. Una trattativa durata un’estate intera, con due abboccamenti: all’inizio, quando in corsa con la Sampdoria sembrava esserci il Milan e alla fine, a poche ore dalla chiusura del calciomercato, quando maturò la beffa con il Torino.

Era praticamente tutto fatto: all’ora di pranzo il giocatore sembrava essere convinto della destinazione, ma la firma tardava ad arrivare perché Zaza aspettava il Torino. Sfumata la trattativa, la società doriana decise di virare su Riccardo Saponara. Domenica Zaza farà ritorno al “Ferraris”, forse dal primo minuto di gioco ma più probabilmente dalla panchina. Non è detto che Mazzarri decida di affidargli l’attacco alla luce del suo rendimento in campionato. In otto partite un solo gol, due assist e tante azioni non concretizzate: l’ultima proprio contro la Fiorentina in cui colpì il pallone a pochi passi dalla porta facendolo schizzare alto sopra la traversa. Ritorno emozionante per il giocatore, ma soprattutto atteso dai tifosi della Sampdoria che non hanno dimenticato il trattamento riservato alla squadra doriana e si preparano ad accoglierlo con qualche fischio.

Articolo precedente
Coppa Italia Primavera, Sampdoria-Spal 0-3: highlights e pagelle
Prossimo articolo
infortunati defrelVerso Samp-Torino: il punto sugli infortunati