Dal tennis al calcio: ecco chi è Belec, l’ultima idea della Sampdoria

belec
© foto www.imagephotoagency.it

Vid Belec, uno sloveno al posto di Puggioni: tanta esperienza per il classe ’90. Gli inizi all’Inter, le ossa in Serie B

Vid Belec, inserito nella trattativa tra Sampdoria e Benevento per arrivare a Puggioni, ha maturato parecchia esperienza in Italia tra le fila del Carpi e del Benevento. Il portiere, classe ’90 con un passato nel mondo del tennis agonistico, ha iniziato la sua carriera nelle giovanili dell’Inter, nel 2008: dopo un provino venne acquistato e cominciò a maturare la sua esperienza nella Primavera con la quale vinse anche il torneo di Viareggio. La prima vera occasione nel calcio professionistico la ottiene nel 2010 quando viene ceduto in prestito al Crotone: con la squadra rossoblù disputa cinquanta partite in due stagioni prima di tornare alla squadra nerazzurra. Con Mazzarri non ha fortuna e nel 2015 viene ceduto al Carpi con il quale disputa la sua prima stagione in Serie A. Nel 2017 si trasferisce al Benevento e sigla un contratto triennale. Di recente è apparso agli onori della cronaca per la squalifica a tre giornate per il calcio volontario inferto a Niang nella partita disputata contro il Torino. In questa stagione ha disputato tredici partite in campionato, subendo ventisette reti. È un destro naturale, alto 1,92. Nelle sue precedenti esperienze in Serie A ha subito, con il Carpi, 41 reti nella stagione 2015/16; con il Crotone 72 reti in Serie B.

1. Uno sloveno come riserva di Viviano

2. Uno sloveno come riserva di Viviano

5. Uno sloveno come riserva di Viviano

6. Uno sloveno come riserva di Viviano

7. Uno sloveno come riserva di Viviano

8. Uno sloveno come riserva di Viviano

9. Uno sloveno come riserva di Viviano