Dalla benedizione di Totti al retroscena Brasile: chi è Vignato – VIDEO

Sampdoria Vignato
© foto www.imagephotoagency.it

La Sampdoria sta per aggiudicarsi Vignato del Chievo: conosciamo meglio il talento italo-brasiliano classe 2000 che ha stregato l’Europa – VIDEO

«Ma tu chi sei», domanda Francesco Totti a bordocampo durante il riscaldamento. «Sono un ragazzo del Chievo, sono del 2000», risponde un imbarazzato Emanuel Vignato. Comincia con la benedizione dell’ex capitano della Roma la favola in Serie A del talento clivense, che da quel pomeriggio del 20 maggio 2017 vede accendersi i riflettori di mezza Europa. L’esordio durato tre minuti contro i giallorossi equivale a un sogno destinato a non infrangersi per uno dei calciatori emergenti nel panorama internazionale.

Originario di Fortaleza da padre italiano e madre brasiliana, il classe 2000 entra a far parte del settore giovanile del Chievo nel 2014 e si distingue fin da subito per le sue qualità. Viene eletto miglior giocatore al “Memorial Guido Settembrino” di Brescia e al “Torneo Daniele Pecci” di Bellaria Igea Marina, ma a decidere il suo destino è l’esperienza coltivata in Primavera. I cinque gol realizzati in sole dodici presenze nella stagione 2018/19 gli garantiscono un posto fisso in prima squadra e a distanza di quasi due anni, l’8 aprile 2019, Vignato disputa al “Dall’Ara” di Bologna la prima gara da titolare. La maglia del Chievo, però, non gli basta. Vignato indossa con orgoglio anche la divisa azzurra della nazionale italiana, dopo aver rifiutato la proposta del Brasile. Dall’Under 17 all’Under 19, con l’obiettivo di conquistare il primo gettone in Under 21.

Esterno d’attacco e all’occorrenza trequartista, Vignato è dotato di dribbling, tiro e rapidità di esecuzione non indifferenti. Caratteristiche che hanno sorpreso i dirigenti della Sampdoria, intenzionati a concludere l’operazione con il Chievo entro la fine del mercato. I difetti? La fantasia tecnica si scontra con un fisico ancora da formare e una scarsa esperienza tra i professionisti. Motivo per cui il baby prodigio resterà in prestito ai gialloblù per vivere da protagonista il campionato di Serie B.