Biografia Boskov: «Le tre parole che cambiarono la Sampdoria»

boskov sampdoria
© foto Twitter

L’ex tecnico della Sampdoria Boskov ritratto da Crepaldi nella biografia “Pallone entra quando Dio vuole”

Danilo Crepaldi, lo scrittore che ha dedicato a Vujadin Boskov la biografia “Pallone entra quando Dio vuole”, ha rilasciato un’intervista ai taccuini de Il Tirreno.

BIOGRAFIA – «Uno dei motivi che mi hanno spinto a scriverne la biografia è la sua bravura. In Italia, Vujadin Boskov viene spesso ricordato solo per i suoi aforismi e non per ciò che realmente rappresenta. Ma parliamo di uno che da giocatore è stato una colonna della nazionale jugoslava e da allenatore ha guidato il Real Madrid, condotto fino alla finale di Coppa dei Campioni, poi persa col Liverpool».

SAMPDORIA – «Boskov riuscì a migliorare la Sampdoria non tanto dal punto di vista squisitamente tecnico o tattico ma, lavorando molto sull’aspetto psicologico, creò nella squadra una mentalità vincente, alzando alle stelle l’autostima dei calciatori. Un modo di fare ben riassunto nelle tre parole “Noi siamo Sampdoria”, perfette per far capire ai suoi giocatori che non erano inferiori a nessuno».