De Zerbi attacca: «Serie A? Qualcuno pensa ai propri interessi»

de zerbi sassuolo
© foto www.imagephotoagency.it

L’allenatore del Sassuolo De Zerbi ha detto la sua sulla Serie A e il taglio agli stipendi a causa dell’emergenza Coronavirus

Roberto De Zerbi ha espresso le proprie considerazioni sulla sospensione della Serie A e il taglio agli stipendi dei calciatori durante il periodo di inattività, a causa dell’emergenza Coronavirus: «Mi limito a dire cose già dichiarate. Sono fortunato perché faccio parte di una società particolare. Qualcuno ha cavalcato troppo questa situazione per interessi personali, chi per risultati sportivi e chi per soldi che avrebbe potuto risparmiare. Mi dispiace che si tenda a fare demagogia sulla questione stipendi».

«Ho fatto il calciatore e ora faccio l’allenatore. Non siamo come ci dipingono. Il calciatore è intelligente e sa di dover fare dei sacrifici, ma i problemi vanno affrontati chiaramente. I soldi che uno si toglie, dove vanno? E perché fino a marzo nessuno pensava alla salute e ora si tende a chiudere il prima possibile il campionato?», ha concluso l’allenatore del Sassuolo ai microfoni di Sportitalia.