Debiti con il Comune: Samp morosa, Genoa a rischio pignoramento

Ferraris licenza
© foto www.imagephotoagency.it

Quasi 1,2 milioni di debiti per Sampdoria e Genoa, il Comune adesso chiede la regolarizzazione: rossoblù a rischio pignoramento

Prima di procedere con l’acquisto dello stadio “Ferraris”, Sampdoria e Genoa dovranno presentarsi davanti a Palazzo Tursi candide e ripulite da ogni vertenza con il Comune di Genova. Attualmente, però, non sembrano esserci i requisiti per farlo: secondo quanto riportato dall’edizione odierna de La Repubblica, infatti, le due società sono ancora in debito di 1 milione e 178 mila euro – divisi in parti uguali tra i club – per concessioni arretrate. Una situazione spiacevole che andrà risolta al più presto, tanto più che nei giorni scorsi il Comune ha ufficialmente richiesto una perizia all’Agenzia del Demanio per stabilire il valore dell’impianto: «Dopo tanti anni, è arrivato il momento che le due società si mettano in regola», ha tuonato l’assessore al Bilancio e Patrimonio Pietro Piciocchi.

Le concessioni arretrate che la “Luigi Ferraris S.R.L.”, gestita da Samp e Genoa, dovrà ripagare si riferiscono a un periodo compreso tra il 2014 e l’inizio del 2017, ma per i rossoblù i problemi non finiscono qua. Il club di Enrico Preziosi, infatti, ha ancora debiti per circa 239mila euro nei confronti di Palazzo Tursi, per rate non pagate risalenti al 2012, 2011 e addirittura al 2009: «È già partito l’atto di precetto», ha fatto sapere Piciocchi, e adesso il Grifone rischia il pignoramento immobiliare o di conti. Misure che potrebbero essere adottate nel caso il conto non venisse saldato entro 10 giorni: «Ma spero non si debba arrivare a questo punto», ha concluso l’assessore. La pazienza è finita, prima di acquistare il “Ferraris” Sampdoria e Genoa dovranno mettersi in regola.

Articolo precedente
ferrero sampdoriaFerrero svela: «Ho provato a prendere Cutrone»
Prossimo articolo
pochettino tottenhamSensibile ricorda: «Pochettino fu vicino alla Sampdoria»