Delio Rossi e il boom di Icardi: «Così gli cambiai la vita»

icardi sampdoria
© foto Db Genova 18/11/2012 - campionato di calcio serie A / Sampdoria-Genoa / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Mauro Emanuel Rivero Icardi

L’ex tecnico blucerchiato ricorda la partita che consacrò Icardi: «Gli negai i Mondiali, così tornò in Italia e giocò quel Juve-Samp»

Non certo un’avventura piena di soddisfazioni, quella di Delio Rossi sulla panchina della Sampdoria, ma che ha portato la Serie A a conoscere il talento di Mauro Icardi. L’attuale centravanti dell’Inter, nella stagione 2012/13 cominciò a muovere i suoi primi passi nella massima serie italiana sotto la gestione dell’allora tecnico blucerchiato Ciro Ferrara – si ricorda il gol nel derby contro il Genoa – ma il suo nome fu sulla bocca di tutti soltanto dopo una storica doppietta alla Juventus, arrivata a Torino nel gennaio del 2013 alla seconda apparizione di Rossi da allenatore della Samp: «Era un giocatore della Primavera – ha ricordato a Sport Mediaset – lo feci giocare titolare contro la Lazio. Venne da me prima della partita e mi disse “Farò questa partita, poi non tornerò in Italia perché ci sono i Mondiali U18 e voglio giocare con la Nazionale, ci tengo molto”. Gli dissi che avrebbe dovuto assumersi le sue responsabilità nel caso non fosse tornato, perché non aveva il mio permesso».

Quella decisione condizionò inevitabilmente la carriera dell’argentino, che finì sui taccuini dei maggiori club italiani, prima di segnare altre 7 reti e trasferirsi all’Inter a fine stagione: «Decise di tornare in Italia e lo feci giocare pochi giorni dopo contro la Juventus, quella partita gli ha cambiato la vita». Delio Rossi conclude con un appunto sul modo di stare in campo del classe ’93: «Mi farebbe piacere vederlo giocare più per la squadra a volte e meno per il gol. Una maglia di Icardi? Ho forse quella della Sampdoria, ma non dell’Inter».


VUOI RESTARE AGGIORNATO SULLA SAMPDORIA? SCARICA LA NOSTRA APP!

Articolo precedente
gaston ramirez sampdoriaIl riscatto di Ramirez: anche FIFA lo premia
Prossimo articolo
praet sampdoriaPraet giura amore: «Voglio restare alla Samp»