Di Francesco: «Se una società mi vuole, deve comprarmi i calciatori»

Di Francesco Sampdoria Gervinho
© foto www.imagephotoagency.it

L’allenatore Di Francesco ha parlato del suo modo di lavorare, lanciando una provocazione alla dirigenza della Sampdoria

Eusebio Di Francesco è intervenuto ai microfoni di Sky Sport per analizzare la propria metodologia di lavoro, che hanno funzionato al Sassuolo e alla Roma ma non alla Sampdoria. Il tecnico ha lanciato una provocazione alla dirigenza blucerchiata, che non gli ha messo a disposizione calciatori funzionali al suo gioco.

«Ogni gruppo ha una sua identità. Deve essere bravo l’allenatore a calarsi nelle realtà in cui allena, consapevole che non tutte le situazioni sono uguali. Ho bisogno di calciatori che abbiano qualità, ma a determinati livelli bisogna abbinare anche tanta fisicità. Per mettere in pratica il mio modo di pensare servono circa tre mesi. A Sassuolo ci sono riuscito da subito, a Roma ci ho messo un pochi di più ma ho ottenuto risultati. Peccato non aver potuto proseguire per tanti motivi. Le società sanno che se mi vogliono, devono anche comprarmi i giocatori».