Di Maio difende l’app Immuni: «Non obbligatoria e non prevede restrizioni»

Di Maio Coronavirus
© foto www.imagephotoagency.it

Il Ministro degli Esteri Di Maio sull’applicazione Immuni: «Non è obbligatoria e non prevede restrizioni»

Il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio fuga anche diversi dubbi sulla privacy in relazione all’applicazione Immuni in una lunga intervista a SkyNews24: «Anzitutto, è un’app fatta dal governo, non è nelle mani di un’azienda privata. Non è obbligatoria, non prevede restrizioni per chi non la usa: serve a permettere a un cittadino di avere una segnalazione nel caso in cui stia per avere un contatto con un positivo».

«Non è obbligatoria e non ci saranno penalità per chi non la usa. Mi permetta di dire però che in questo Paese ci facciamo geolocalizzare per ricevere una pizza o per qualsiasi altro motivo. Facciamo un’app facoltativa e che non prevede penali per chi non la usa, e scoppia una polemica sulla privacy, proprio sui social a cui hai dato l’autorizzazione a usare tutti i tuoi dati personali. È una cosa un po’ particolare».