Dickmann, il Novara gioca al rialzo: «Via per un’offerta irrinunciabile»

© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria e Sassuolo monitorano Dickmann, ma il Novara alza la posta: «Ad oggi non c’è motivi di cederlo, andrà via solo per un’offerta irrinunciabile»

Si è parlato molto, nei giorni scorsi, dell’interesse della Sampdoria per Lorenzo Dickmann, terzino destro in forza al Novara. Prima di provare ad affondare il colpo, la società blucerchiata dovrà capire come gestire la situazione relativa a Jacopo Sala, scivolato al rango di riserva nelle gerarchie del tecnico Giampaolo. Per l’ex Hellas si sono fatte avanti Sassuolo e Fiorentina, ma manca ancora l’offerta economica giusta. Se la Samp riuscisse a raggiungere un’intesa con i neroverdi o con i viola, il principale indiziato per sostituire il numero 7 sarebbe proprio il classe ’95 milanese, che si sta disimpegnando egregiamente nel campionato cadetto.

Dal canto suo, però, il Novara ha già annunciato che farà resistenza alla cessione del giocatore, vero e proprio punto fermo dell’undici di Eugenio Corini. A ribadire la volontà di trattenere il difensore, forse anche per sollecitare un gioco al rialzo fra le squadre interessate al difensore, è stato il presidente del Novara, Massimo De Salvo: «Lorenzo per noi è molto importante – ha chiosato il numero uno della società piemontese dopo il match vinto contro il Carpi –, non vorremmo privarci di lui a meno di un’offerta irrinunciabile sia dal punto di vista economico che per il ragazzo. Ad oggi non c’è motivo di cederlo».