Ekdal promuove DiFra: «Mai avuto uno come lui»

ekdal sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Ekdal fa un bilancio dei primi giorni di ritiro e su Di Francesco non ha dubbi: «Sensazioni più che positive»

Albin Ekdal è pronto a rimettersi in gioco con la Sampdoria. La prima stagione in blucerchiato è stata positiva e le sensazioni sono buone, come afferma il centrocampista svedese al Secolo XIX. Eusebio Di Francesco è un tecnico dalle idee interessanti: «Abbiamo un nuovo mister che ha portato una nuova tattica. Ci stiamo impegnando per capire velocemente le sue idee, diverse da quelle passate come sempre succede quando si cambia un allenatore. Piano piano stiamo imparando, ma ci vuole sempre un po’ di tempo per assimilare le novità. Siamo solo all’inizio. Questi primi giorni sono stati di allenamenti offensivi. Di Francesco ci chiede un gioco veloce davanti, trovare il prima possibile il tiro o il cross. Di essere aggressivi quando perdiamo la palla, tutti attorno all’avversario».

Dal feeling con il tecnico al futuro di Ekdal, che è alla Sampdoria. Il centrocampista è sereno: «Le idee di Di Francesco mi piacciono, poi chiaramente bisogna aspettare le partite. Io per ora ho fatto solo quattro giorni di ritiro e le mie sensazioni sono più che positive. Non ho mai avuto un allenatore che propone un gioco così diretto verso la porta. Il futuro? Ho passato un’estate tranquilla perché sapevo di dover tornare qua. Certo, c’è la possibilità che io possa fermarmi qui a lungo, perché sto benissimo con la società, con i compagni e il nuovo staff. Non ho idea di cambiare squadra, vivo l’oggi e sono molto felice. Capitano? Secondo me Fabio giocherà ancora per dieci anni. Per uno svedese vivere così vicino al mare è strano. Di solito veniamo in Italia al mare per fare le vacanze a Sestri Levante, Santa Margherita… Io quei posti li ho a venti minuti per andarci tutti i giorni. Non è un caso che c’è la fila di amici che devo ospitare. Ma l’Italia è favorevole ai calciatori svedesi».