Empoli-Sampdoria, le pagelle: Caprari in stato di grazia, Murru ingenuo

caprari sampdoria
© foto Valentina Martini

Le pagelle di Empoli-Sampdoria: Quagliarella micidiale, ma la risolvono i due cambi di Giampaolo

EMPOLI-SAMPDORIA: SINTESI E TABELLINO DEL MATCH
EMPOLI-SAMPDORIA: GLI HIGHLIGHTS

Audero 6 – Battuto da Pasqual dal dischetto, non corre ulteriori pericoli nella prima frazione, risultando sicuro sulle uscite alte. Può fare poco sul gol di Caputo, bravo però a farsi trovare pronto sulle altre conclusioni azzurre.

Sala 6 – Inizialmente la spinta costante dell’Empoli a sinistra gli impedisce di sganciarsi con frequenza in avanti, e di supportare quindi in sovrapposizione le giocate di Praet. Poi quando la Samp inizia a gestire il gioco prende più coraggio, facendosi apprezzare anche per alcune chiusure difensive in diagonale.

Tonelli 6,5 – Primo tempo di sofferenza contro Caputo, che lo mette spesso in difficoltà dal punto di vista fisico. L’ex Napoli, però controlla con efficacia il numero 11 avversario. Nota di merito l’essersi guadagnato il rigore per la Samp dopo un mischione in area empolese, poi tolto alla Samp – ingiustamente? – dall’intervento del VAR.

Andersen 6 – Il giallo rimediato a inizio match per il body-check su La Gumina rischia di condizionarlo per tutta la partita, ma il danese disputa la solita gara attenta, sbrogliando più di una situazione di pericolo per i suoi. Va vicino al gol con un bello stacco, poi per un millesimo di secondo non riesce a mandare in fuorigioco Caputo, che segna il 2-2, un errore di valutazione che macchia in parte la sua partita.

Murru 5,5 – La scivolata su La Gumina che causa il rigore è un’ingenuità grave che ricorda le amnesie dello scorso anno: intervento privo di senso che mette subito in salita la partita per la Samp. Si riscatta a metà con il bell’assist per Quagliarella.

Praet 6,5 – Replica le giocate viste con il Parma andando sul fondo e mettendo al centro un assist al bacio per Quagliarella, ma il centravanti spreca. Le sue accelerazioni sono sempre imprevedibili per gli avversari, da mezz’ala si conferma un valore aggiunto.

Ekdal 6 – Quando la Samp imposta La Gumina e Caputo gli si francobollano addosso, impedendogli di ricevere il pallone. Lo svedese però, con il passare dei minuti, riesce a ritagliarsi una zona franca sulla linea di metà campo dalla quale riesce a gestire la sfera e a smistarla a destra e a sinistra, su precisa e ripetuta indicazione di Giampaolo.

Linetty 6 – La catena di sinistra non funziona a meraviglia: nei primi 45′, il polacco fatica ad entrare in partita e si limita al compitino di interdizione. Nel secondo tempo inizia invece con più convinzione, scaldando subito i guanti del portiere avversario con un sinistro da fuori area e proponendosi con più costanza in zona offensiva (dal 40′ s.t. Jankto s.v. – Dà il cambio ad uno stremato Linetty).

Ramirez 7 – In un primo tempo sostanzialmente abulico da parte della Samp è uno di quelli che ci prova maggiormente, buttandosi spesso dentro l’area a riempire lo spazio del centravanti lasciato vuoto da Quagliarella. Il gol che ristabilisce la parità per i blucerchiati è un concentrato di tenacia, forza fisica e precisione chirurgica. Un po’ a sorpresa, è il primo giocatore sostituito da Giampaolo (dal 19′ s.t. Saponara 6,5 – Entra per mantenere invariata la freschezza sulla trequarti: si mette al servizio della squadra svariando da destra a sinistra, conferma il suo stato di grazia servendo a Caprari il pallone del 2-3).

Defrel 5,5 – Nel primo tempo si abbassa e si allarga per ricevere il pallone, ma non riesce a costruire trame di gioco offensive rilevanti, troppo distante da Quagliarella. Il lavoro di sacrificio per la squadra è sempre apprezzabile, ma le panchine delle ultime partite sembrano avergli fatto perdere un po’ di confidenza con la posizione e l’intesa con i compagni, ma anche questa, come il gol, tornerà solo tornando a giocare con costanza (dal 38′ s.t. Caprari 7,5 – Cambio forse tardivo, l’attaccante romano entra e riporta ancora una volta in vantaggio i blucerchiati con un’azione da manuale in tandem con Saponara. Poi il cross che sorprende Provedel e dà alla Samp la tranquillità del doppio vantaggio: impatto devastante sulla partita).

Quagliarella 6,5 – Prima trafigge Provedel dopo pochi minuti di gioco, ma è in offside, poi l’errore sotto porta sull’ottimo assist di Praet. Anche lui, come Defrel, con il passare dei minuti va a giocare molto aperto sull’esterno, posizione che lo allontana dalla porta avversaria. Nella ripresa spreca ancora una buona occasione, ma si rifà un minuto dopo con un’incornata che ribalta il risultato.

EMPOLI (3-5-2): Provedel 4,5; Veseli 6, Rasmussen 5,5 (dal 26′ s.t. Zajc 5,5), Silvestre 6; Di Lorenzo 6, Acquah 5,5 (dal 38′ s.t. Ucan s.v.), Bennacer 6,5, Traorè 6, Pasqual 6,5; La Gumina 6, Caputo 6,5.