ESCLUSIVA – Pagliuca: «Stop alla Serie A. Non ha senso riprendere»

pagliuca
© foto www.imagephotoagency.it

Esclusiva SampNews24 – Pagliuca sulla Serie A: «Non ha senso ripartire. Audero? Meno brillante, ma si riprenderà». E quelle bottiglie di vino…

La redazione di Sampnews24.com ha raggiunto in esclusiva una delle leggende della Sampdoria degli anni ’90, Gianluca Pagliuca. Ai nostri microfoni, l’ex portiere blucerchiato ha parlato di attualità, del rendimento del suo omologo Emil Audero, ma anche di un curioso episodio capitatogli ai tempi della sua avventura a Genova.

Partiamo dalla Serie A. Ha senso riprendere un campionato dopo questa situazione?

«Secondo me non ha senso, anche se ovviamente ci sono interessi economici e di vario genere in ballo. Mettere a repentaglio la salute di addetti a lavori per finire una stagione già compromessa… Tanto vale chiudere qua e riprendere a settembre normalmente, concentrandosi sulla prossima stagione e a fare bene agli Europei. Naturalmente eviterei le retrocessioni e farei una Serie A a 22 squadre l’anno prossimo: non sarebbe neanche giusto penalizzare così tanto il Benevento, quella che a parer mio ne uscirebbe peggio da questa situazione, dato che ha 20 punti di distacco dalla seconda». 

La Juventus modello da seguire per gli altri club? Cosa ne pensa di un possibile taglio degli stipendi?

«Sono d’accordo, è giusto che se le società perdono dei soldi ricevano un aiuto anche dai calciatori: guadagnano cifre astronomiche e trovo normale che in una situazione del genere si cerchi di salvaguardare gli altri dipendenti, che quelle cifre non le guadagnano».

Come giudica la stagione di Audero? Le critiche sono state troppo severe?

«Beh, è inutile negarlo, quest’anno è stato meno brillante, meno decisivo. L’anno scorso non ricordo cose clamorose, solo quando ero andato a vederlo a Bologna ricordo che avesse fatto due-tre errori pesanti».

Per un ragazzo così giovane, le critiche fungono da stimolo o abbattono?

«Dipende molto dalla personalità del ragazzo, però come me ne sono accorto io e se ne sono accorti tutti, penso che anche lui si sia reso conto del calo delle sue prestazioni. Sicuramente l’anno prossimo ripartirà con un grande voglia di riprendersi quel ruolo importante che aveva l’anno scorso».

Tornare alla Juventus o rimanere alla Sampdoria?

«Se pensiamo che stanno rinnovando ancora il contratto a Buffon… Penso che Audero debba rimanere alla Sampdoria, che è meglio».

In una recente intervista, Silas ha raccontato di un premio di 700 bottiglie di vino rifiutato nella stagione 1991/92. A lei ne sarebbero toccate 300, per il primo rigore parato del campionato: le ha prese tutte lei, come ha supposto il suo ex compagno? 

«Incredibile ma vero, le ho rifiutate anch’io. A me il vino fa schifo proprio (ride, ndr), gliel’ho lasciato tutto. Ricordo che mia madre spingeva per prenderle: “Accettale, che me le bevo io”, diceva. Silas, tra l’altro, l’ho sentito qualche giorno fa, ma non mi ha detto nulla di questa storia».