Ferrero ringrazia Ranieri: quante plusvalenze in vista

Ferrero Ranieri
© foto www.imagephotoagency.it

Ferrero ringrazia la “cura Ranieri”: ha ridato valore alla Sampdoria, plusvalenze possibili con Thorsby, Vieira e Chabot

Inutile negarlo, Claudio Ranieri non ha dato solo una spinta in classifica alla Sampdoria, che pian piano sta iniziando a risollevarsi dalla zona retrocessione, ma anche ridato valore a quei giocatori che fino a pochi mesi fa non erano “né carne né pesce”, se non addirittura totalmente sconosciuti ai più. Massimo Ferrero lo sa bene, dato che a giugno sarà come tutti gli anni costretto a cedere qualche pezzo pregiato per poter reinvestire sul mercato. Ma chi l’avrebbe mai detto – sempre che il rendimento rimanga sugli standard attuali – che da uno come Morten Thorsby il club blucerchiato avrebbe potuto ricavare una sostanziosa plusvalenza?

Già, perché il classe ’96 era stato acquistato a parametro zero dall’Heerenveen a gennaio 2019 e l’intero introito di una potenziale cessione sarebbe quindi guadagno. Non solo, parlando di plusvalenze un altro nome caldo è quello di Julian Chabot, nuova scoperta di Ranieri, che lo ha lanciato titolare in difesa nelle ultime due partite ricevendo in cambio prestazioni di alto livello. Un altro prospetto, quello del classe ’98 – pagato circa 3 milioni di euro dal Groningen in estate – che potrebbe fruttare non poco a fine stagione.

Per non parlare di Ronaldo Vieira, che da “bambino” – questo l’appellativo datogli da Marco Giampaolo – è diventato adulto a tutti gli effetti, prendendo in mano le redini del centrocampo, dimostrando di sapersela cavare anche senza Albin Ekdal a fianco. Un altro promettente classe ’98 che sul mercato potrebbe avere un appeal di livello.

Infine, grazie al tecnico romano anche Omar Colley sta vivendo la stagione della sua consacrazione nel calcio italiano, affermandosi come vero e proprio leader della retroguardia della Sampdoria. L’età è già più avanzata (il gambiano va per i 28) ma le richieste non mancano, sopratutto dalla Premier League. Chi promette bene è Jakub Jankto, mai riuscito ad acquistare continuità dal suo arrivo a Genova, adesso più al centro del progetto tecnico blucerchiato, con un modulo che lo valorizza e che gli permette di allargarsi maggiormente, trovando gol e assist. Ferrero si frega le mani e, una volta conquistata la salvezza, comincerà a fare i suoi conti.