Ferrero, interdizione confermata: cosa comporta per la Sampdoria
Connettiti con noi

News

Ferrero, interdizione confermata: cosa comporta per la Sampdoria

Pubblicato

su

La richiesta di annullare la misura cautelare dell’interdizione è stata respinta: cosa comporta per Ferrero e la Sampdoria

È notizia di ieri, fonte Clubdoria46, che la richiesta di annullare la misura cautelare dell’interdizione in capo a Massimo Ferrero sia stata respinta dal tribunale di Paola. Cosa comporta per l’ex presidente della Sampdoria e per il club doriano? Le conseguenze sono minime e tutte prevedibili. L’interdizione è una misura cautelare che non può eccedere i dodici mesi. È stata comminata il 6 dicembre 2021 e andrà a scadenza il 6 dicembre del 2022. Così prevede la legge italiana. Pertanto che, a una mese dalla sua caducità naturale, non sia stata annullata non stupisce.

Per la Sampdoria la misura cautelare dell’interdizione del suo ex presidente conta poco. Ferrero non ha quote e non ricopre più cariche all’interno del club doriano e tantomeno nelle sue controllanti (amministratore unico di SportSpettacolo Holding è Massimo Ienca). Discorso diverso, ma stessa situazione, per Vanessa e Giorgio Ferrero interdetti e intestatari virtualmente delle quote. A oggi la Sampdoria è inserita in un trust. Le quote sono in mano a Gianluca Vidal. La Sampdoria ha un CdA che, a meno di sorprendenti dimissioni (non previste), andrà avanti fino alla cessione. Un rientro sulla scena di Ferrero, per il momento, è improbabile.

Copyright 2023 © riproduzione riservata Samp News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 44 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - PI 11028660014 Editore e proprietario: Sport Review S.r.l Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a U.C. Sampdoria S.p.A. Il marchio Sampdoria è di esclusiva proprietà di U.C. Sampdoria S.p.A.