Ferrero zittisce il Milan: «Rigore inesistente, pensino a giocare». E su Vialli…

ferrero sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Ferrero risponde alle polemiche del Milan sul rigore negato: «Inesistente, pensino a giocare e non a parlare di arbitri». E su Vialli alla Samp: «Una palla? Chiedetelo a lui»

Il Milan è uscito malconcio dal “Ferraris”, dove ieri sera ha rimediato una sconfitta per 1-0 dalla Sampdoria che potrebbe costare in ottica qualificazione alla prossima Champions League. Ai rossoneri, apparsi completamente in balìa dei padroni di casa, non è andato giù l’intervento di Murru ai danni Piatek, giudicato da rigore dal dt Leonardo ma non dall’arbitro Orsato. Il presidente blucerchiato Massimo Ferrero ha risposto duramente alle polemiche del club meneghino: «Il rigore? Non ho avuto paura perché non c’era niente. Le grandi devono smetterla di parlare di arbitri, pensassero a giocare a calcio», ha dichiarato ai microfoni di Radio 24.

La classifica, alla luce dei risultati di oggi, vede la Samp tornare prepotentemente in corsa per una qualificazione europea. Un obiettivo che, se centrato, porterebbe a maggiori investimenti da parte del club: «Questo lo vedremo, pensiamo partita dopo partita. Ora c’è il Torino. Vialli alla Samp è una palla? Chiedetelo a lui. I giornali fanno il mestiere loro».

I rapporti con Edoardo Garrone sono ottimi: «Un grande presidente. Mai problemi con lui, è una persona per bene, sono contento di averlo conosciuto e di non averlo deluso». Non si può dire lo stesso di Enrico Mantovani, che negli ultimi giorni ha tenuto il pubblico blucerchiato con il fiato sospeso per via dei tweet sulla cessione societaria: «Mantovani chi? Il twittaro? Non ci ho mai litigato. Uno si deve riconciliare quando discute, io non discuto con nessuno, mi faccio gli affari miei: faccio il contadino – conclude Ferrero – butto il seme e zappo l’orto».