Fiorentina, Sousa in conferenza stampa: «Abbiamo sofferto i fischi dei nostri tifosi»

© foto www.imagephotoagency.it

Sousa in conferenza stampa commenta la prestazione della sua Fiorentina, uscita con un punto dalla sfida contro la Sampdoria

Un pareggio che non rende soddisfatta la Fiorentina che, tra le mura di casa si aspettava di portare a casa il bottino più grosso: la vittoria. È stata un’ottima Sampdoria, come riconosce Sousa in conferenza stampa al termine del match , a riuscire a frenare le sortite offensive della sua squadra.

PRIMO TEMPO STRAORDINARIO – «Abbiamo fatto un primo tempo straordinario, di grandissima intensità, convinti, determinati, con molta qualità sotto molti aspetti. Ma è mancato il gol che ci avrebbe permetto di gestire meglio la partita» inizia Sousa ai microfoni della sala stampa «I molti impegni influiscono. Tutte le squadre, non solo noi, hanno difficoltà dopo impegni di Europa League. Noi abbiamo diverse partire alle nostre spalle con poco recupero ed è normale che si possa calare contro un’ottima squadra come Sampdoria. Abbiamo sofferto anche per i fischi del nostro pubblico che dimostravano la volontà di velocizzare il gioco che non ci ha fatto stare tranquilli».
MANCA CATTIVERIA IN AREA – «Ci sono state tante occasioni. La squadra ci crede e sta creando. Le vittorie portano sempre più convinzione e questo ci è mancato oggi. Spero che la squadra prosegua rimanendo convinta perché solo in questo modo possiamo fare bene. Col Crotone, Milan abbiamo avuto occasioni ma non siamo riusciti a capitalizzarle per vincere, questi magari sono gli unici rimpianti che abbiamo» continua Sousa.
SQUADRA NON IN SOFFERENZA – «Gli errori? I gol sono sempre su azioni diverse, quindi chiaramente si può sempre fare di più. Comunque credo che anche quando subiamo gol siamo sempre la squadra che soffre di meno. Milic e Sanchez? Sanchez ha fatto una partita straordinaria giovedì. Nel nostro concetto di gioco ha bisogno di più tempo per migliorare ma è un giocatore importante nella nostra rosa. Oggi magari può aver fatto più fatica ma ci sta. Milic sta crescendo, con lui lavoriamo anche durante le pause della nazionale per poter migliorare ancora e inserirlo al meglio nei nostri movimenti di gioco» come riporta fiorentina.it.