Dai fondi d’investimento alla cessione Samp: Fiorentino spiega tutto

paolo fiorentina cda sampdoria
© foto Paolo Fiorentino - foto Twitter

Il nuovo vicepresidente vicario Paolo Fiorentino: «Nessuna trattativa per la cessione della Sampdoria». E su Ferrero assicura: «È uno specialista»

Tra i nomi che più saltano all’occhio, leggendo il nuovo CdA della Sampdoria, rientra certamente quello di Paolo Fiorentino. L’ex ad di Carige e Capitalia, con un trascorso in Unicredit e figura centrale nella cessione della Roma a James Pallotta nel 2014, non è entrato per caso a far parte del club blucerchiato: «Conoscevo da tempo sia Ferrero che Romei. Un’accoppiata vincente. Erano a conoscenza della mia esperienza nel board della Roma. Mi è stata fatta questa richiesta, accolta con stima e simpatia. La qualifica di vicepresidente vicario è stata una sorpresa per me. Il calcio è una mia passione, al quale mi approccio con la mentalità del business. Non è un gioco, ma un lavoro. La Samp ad esempio ha le caratteristiche di una media azienda italiana. Deve coniugare le soddisfazioni sportive con risultati finanziari. Quello che sta facendo Ferrero».

Fiorentino si definisce “napoletano e maradoniano”, ma non può dimenticare la Sampd’oro: «Ho avuto un’enorme ammirazione per Vialli e Mancini. Sono stati un po’ l’elegia del calcio: belli, giovani e sfrontati, nell’immaginario collettivo hanno cambiato, per qualche stagione, l’ordine naturale degli equilibri del calcio». Un calcio d’altri tempi, con presidenti d’altri tempi: «Il calcio dei mecenati è scomparso. Ora ci sono i grandi fondi che si avvicinano al calcio con logiche diverse. Parlando di Sampdoria, non c’è, da parte della proprietà, nessuna agenda aperta su questo argomento. Si è appena conclusa l’ennesima stagione con il bilancio in positivo e i risultati calcistici sono ottimi. L’equazione perfetta. La fine dell’era dei mecenati impone i bilanci in ordine, è una questione di sopravvivenza. Quanto alla mia esperienza con la Roma – taglia corto il nuovo dirigente blucerchiato – è lì, in un cassetto».

Fiorentino passa poi a spiegare per quali ragioni un fondo d’investimento dovrebbe essere interessato a rivelare una società calcistica: «Le variabili sono tre. Un soggetto che intende investire nello sport e ha l’esigenza di sostenere o riposizionare un brand, e il calcio è uno dei veicoli più conosciuti; poi c’è la possibilità di trasformare l’investimento calcio in un investimento immobiliare; terzo, la compravendita dei giocatori può generare profitti. Si possono avere bilanci in ordine e produrre utili. È un business che sembra semplice, ma che in realtà è mestiere per pochi. E in questa Samp ho trovato tanti specialisti, in primis Ferrero». Fiorentino vive a Genova da diversi anni ed è forte il legame con la città: «È nel mio cuore. La proposta di Ferrero mi dà la possibilità di continuare a frequentare la città e tante splendide persone che ho conosciuto. Edoardo Garrone? Anche lui, ma non abbiamo mai parlato di Samp».


VUOI RESTARE AGGIORNATO SULLA SAMPDORIA? SCARICA LA NOSTRA APP!

Articolo precedente
thorsby calciomercatoThorsby torna in prima squadra. L’Heerenveen: «Merita un bell’addio»
Prossimo articolo
andersen sampdoriaAndersen scaccia le plusvalenze: «Non mi dispiacerebbe restare»