Fornasier: «Sono legato alla Samp, ma contro di loro punto alla vittoria»

© foto www.imagephotoagency.it

Quando nell’estate del 2013 la Sampdoria prelevò a parametro zero dal Manchester United Michele Fornasier, molti tifosi blucerchiati furono stupiti di una simile operazione. L’ex-difensore della Fiorentina sembrava essere una di quelle stelle che lasciano il calcio italiano da giovanissime per tentare la grande avventura con un club di livello mondiale. Invece, quando il contratto dell’allora ventenne difensore scadde, gli inglesi lasciaro il classe ’93 a spasso, e la Sampdoria decise di investire su di lui.

 

Come si sa, poi, l’avvenura del centrale di Vittorio Veneto a Genova non è stata esaltante, e dopo aver giocato a strappi per un anno e mezzo è stato ceduto prima in prestito e poi a titolo definitivo – nell’ambito dell’operazione-Torreira – al Pescara. Il Delfino sarà proprio la squadra che la Sampdoria troverà al rientro dalla sosta per le Nazionali, fra due settimane, squadra in crisi di identità e che ieri ha perso in casa contro un Chievo sorprendente. Nel post-partita proprio Fornasier ha esternato le proprie impressioni sulla gara persa dai biancoazzurri, rivolgendo anche un pensiero al prossimo impegno contro i blucerchiati: «Stasera è stata una brutta partita – ha esordito il difensore ai micorfoni di pescarasport24.it -. Eravamo partiti anche bene, cercando di fare la nostra gara e creando anche qualche buona occasione nel primo tempo. Poi nella ripresa, come ci è accaduto anche altre volte, siamo calati, forse per stanchezza, e siamo stati puniti su nostri errori da una squadra ostica e molto esperta. Volevamo fare risultato davanti al nostro pubblico e ci siamo sbilanciati, ma in Serie A al minimo errore vieni punito, e lo stiamo imparando a nostre spese. Fa più male questa sconfitta rispetto a quella con la Lazio perchè è arrivata contro una squadra che sulla carta è una nostra diretta concorrente per la salvezza. Oddo era arrabbiato, come giusto che sia: ci ha chiesto di giocare da squadra e di restare sereni e tranquilli. Io sono positivo: dico di guardare avanti, a breve ci sbloccheremo e ne verremo fuori. La Samp? Punteremo a cogliere la prima vittoria. Sono rimasto legato ai blucerchiati, essendo cresciuto in quella squadra, ma ora penso solo al Pescara e credo che restando uniti raggiungeremo il nostro obiettivo».