Gabbiadini, ritorno difficile: l’agente lo vuole all’estero

gabbiadini azzurro
© foto SampNews24

Non è il miglior momento della sua carriera, ma nessuno si è dimenticato delle doti di Manolo Gabbiadini. L’ex attaccante blucerchiato deve ripartire lontano da Napoli. Forse anche dall’Italia, a giudicare dalle parole del suo agente

 

Non è facile essere il centravanti. Non è facile esserlo nel 4-3-3 di Sarri. Non è facile esserlo a Napoli. Mettete tutto queste difficoltà assieme e capirete com’è la vita di Manolo Gabbiadini, arrivato sotto il Vesuvio nel gennaio 2015 e alla prima stagione di pure difficoltà con la maglia azzurra.

ATTESA – Eppure questo doveva essere il suo anno. Dopo esser stato utilizzato largo a destra nel 4-2-3-1 di Benitez o dietro la punta, nonché da vice-Higuain nel primo anno di Sarri, ora Gabbiadini aveva finalmente la chance che aspettava da tempo. La competizione con Milik partiva dallo stesso livello o così è sembrato.

Invece, l’ex giocatore della Samp si ritrova intrappolato nei suoi fantasmi tattici, in un vestito che non gli sta bene, in un ruolo che non lo convince. Difficoltà comprese da tutti e manifestate anche dai numeri (due gol in stagione su 15 presenze), nonostante Gabbiadini ci stia mettendo tutto l’impegno possibile.

FUTURO, MA NON IN ITALIA – Si è parlato della possibilità che l’attaccante tornasse alla Samp o che il Milan si fiondasse su di lui, ma in realtà le parole rilasciate dall’agente del giocatore, Silvio Pagliari, a foot.01 lasciano presagire ben altri scenari: «L’interesse dell’Olympique Marsiglia? Non ne so nulla. Penso che Manolo debba scoprire un altro campionato che non sia la Serie A: per noi l’importante è il progetto sportivo dietro le offerte che arriveranno».