Garrone: «Vi dico la verità su Ferrero»

garrone sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Edoardo Garrone sulla “nuova” gestione della Sampdoria: «Tutto merito di Ferrero, noi abbiamo garantito solo all’inizio. Il prossimo anno sarà decisivo»

E’ stata una stagione di grandi affari per la Sampdoria, che ha chiuso il mercato con un bilancio nettamente in positivo, ma anche di sogni realizzati, come la residenza Casa Samp e il nuovo centro sportivo “Gloriano Mugnaini” che sta cambiando look e sarà pronto a breve. Massimo Ferrero ha cominciato a camminare con le sue gambe e anche l’ex presidente blucerchiato Edoardo Garrone è entusiasta: «Abbiamo ceduto una società pulita – ha ricordato in un’intervista per La Repubblica – con pochi debiti, che abbiamo garantito presso le banche, un’azienda su cui bisognava lavorare su costi e efficienza, ma un’azienda sana. E se la Samp oggi sta bene è per il buon lavoro di Ferrero, che ha gestito con buoni risultati una società medio-piccola che, come le altre della sua fascia, parte sempre con un handicap a cominciare dai diritti televisivi».

Nonostante tutto, in molti sono ancora convinti che i due non si siano in realtà disgiunti e che ricoprano, uno alla luce del sole e l’altro dietro le quinte, la carica di presidente della Sampdoria: «Non è così, noi abbiamo strutturato l’operazione cessione con un supporto di garanzie per permettere a chi arrivava di muoversi con tranquillità. Del resto – prosegue Garrone -, una società di calcio ha il compito, quando passa la mano, di tutelare dipendenti e tifoseria, perché ha una valenza sociale. Aggiungiamo che noi siamo una famiglia di Genova e si capisce bene perché non potevamo “scappar via». Secondo il numero uno di ERG, il prossimo sarà l’anno decisivo per valutare la bontà dell’operato di Ferrero: «Siamo al quarto anno, il bilancio più significativo sarà il prossimo, perché prima ha cambiato l’età della squadra facendo a meno di giocatori dai costi troppo alti, il secondo anno ha incominciato a investire, il terzo ha confermato gli investimenti azzeccati. Il quarto anno – conclude – sarà fondamentale». Se sull’obiettivo Europa frena gli entusiasmi, Garrone promuove a pieni voti Er Viperetta e spera, al termine della prossima stagione, di potergli garantire in pagella un bell’otto pieno.