Connettiti con noi

Avversari

Genoa Primavera, Chiappino: «Ci siamo addormentati contro la Sampdoria»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Chiappino, allenatore del Genoa Primavera, ha commentato la sconfitta subita nel Derby della Lanterna contro la Sampdoria: le dichiarazioni

Luca Chiappino, allenatore del Genoa Primavera, ha commentato la sconfitta subita nel Derby della Lanterna contro la Sampdoria. Le sue dichiarazioni raccolte da buoncalcioatutti.it.

SCONFITTA – «Abbiamo iniziato benissimo, con un bellissimo gol pronti e via, poi è successo qualcosa: ci siamo un po’ addormentati e abbiamo perso le distanze. La differenza l’ha fatta l’area di rigore: loro molto più cattivi dentro l’area di rigore, noi molto più leggeri dentro la loro. Non so quante volte abbiamo portato la palla dentro l’area di rigore senza mai concretizzare trovando tiri leggeri e poca attenzione sulle seconde palle. Sui primi due cross abbiamo preso due gol, il terzo è arrivato con un tiro dalla distanza anche di facile lettura, mentre il quarto da una rimessa laterale dove avevamo una superiorità numerica netta. Sull’uno a uno, probabilmente, c’è stata una palla di Boci con un rigore per noi sacrosanto, ma non possiamo attaccarci a quello perché comunque la partita è finita 4-2. Sono state troppe le situazioni che non mi sono piaciute come atteggiamento, perdendo troppi duelli, e non esiste. Forse il problema viene fuori dal fatto che qualcuno pensa di essere diventato troppo bravo, e invece bisogna tornare un po’ coi piedi per terra. Queste partite non vorremmo mai perderle, ma se siamo intelligenti possono darci il “la” per riprendere le cose che dobbiamo fare».

ATTEGGIAMENTO – «Sapevamo che loro sarebbero venuti a fare una gara aggressiva e che avrebbero giocato sulla profondità perché hanno caratteristiche per fare così. Noi abbiamo sbagliato troppo tecnicamente mettendoli nelle condizioni di giocare in campo aperto. Non ricordo che Corci abbia fatto una parata e ha preso quattro gol e non sa nemmeno lui come ha fatto. Abbiamo perso lucidità in mezzo al campo dopo essere andati in vantaggio, avremmo dovuto muoverla e continuavamo a dare la palla a loro. Anche coi difensori perché c’era molta densità in mezzo al campo e avevamo spazio coi difensori di venire fuori per giocare. L’unico a proporsi è stato Gjini perdendo comunque qualcosina dal punto di vista difensivo. Ma ripeto: sono le partite che fa male perdere così, ma se tutti siamo attenti e facciamo le considerazioni giuste, sono partite che ti aiutano a essere più concreto, determinato, meno leggero nelle situazioni che contano».