Il Genoa in Seconda Categoria: «Sampdoriani? Non scherziamo»

sampdoria gradinata
© foto Valentina Martini

Un nuovo Genoa in Seconda Categoria, fondato da un genovese e composto da laziali, juventini e romanisti: non c’è traccia di sampdoriani

Il Genoa in Seconda Categoria è qualcosa che, visti i momentanei risultati, non è difficile immaginarsi. In realtà, la squadra rossoblù di cui abbiamo fatto scoperta è un’altra, interamente ispirata ai valori del Grifone. Non è nemmeno una squadra del territorio ligure e di genovese ha solo il fondatore, Massimo Campagnoli. L’obiettivo di questa squadra, il cui nome è ASD Zena, è arrivare alla promozione in Prima Categoria e, nemmeno a dirlo, essere anti-sampdoriani, avendo come obiettivo quello di discostarsi il più possibile dai blucerchiati. Questo lo conferma proprio il fondatore sottolineando che, quando Joma è diventato lo sponsor tecnico della Sampdoria, hanno provveduto ad affidarsi a Lotto per evitare di avere qualcosa in comune.

Per questo motivo, in squadra, vengono accolti tifosi di tutta Italia non rigorosamente genoani, perché l’importante è che non tifino Sampdoria: «Sampdoriani in squadra? Non scherziamo. Ci sono molto simpatici, ma la Sampdoria è un’altra cosa. Vi dico solo questo per rendere l’idea: avevamo le maglie marchiate Joma, ma, da quando è diventato sponsor tecnico della Samp, abbiamo deciso di passare a Lotto – specifica a Genova Post -. Il Genoa è qualcosa che hai dentro, nel cuore. Nella nostra squadra ci sono laziali, romanisti, juventini, interisti. Sono venuti da noi per l’immagine che diamo e per il nome che ci siamo fatti negli anni». Se tutto questo non fosse già emblematico, si aggiunge il testo della presentazione nel loro sito dove: «Chi ci segue vivrà non solo le sofferenze tipiche del nostro essere genoani». Il loro sogno è la promozione, magari nei prossimi anni si incontreranno a metà strada con il Genoa, in una stessa categoria che le accolga entrambe.