Giampaolo preoccupato: tre dubbi per l’Atalanta

giampaolo sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Giampaolo non ha ancora sciolto i dubbi per la sfida contro i nerazzurri: rischia anche Quagliarella, non al top dopo il problema fisico di Ferrara

Quella contro l’Atalanta, per la Sampdoria, è la classica partita che non va persa. Certo, meglio se i blucerchiati mettessero i tre punti in tasca contro la Dea, avversaria diretta per l’Europa, ma fondamentale è soprattutto non permettere alla squadra di Gian Piero Gasperini di uscire dal “Ferraris” con una vittoria e con la consapevolezza di essere più forte di quella di Marco Giampaolo. Per aver ragione degli orobici il tecnico blucerchiato dovrà soppesare ogni minima variabile di formazione, e, per il momento, sembra che i dubbi principali dell’allenatore siano tre, alcuni molto importanti.

Il primo riguarda la difesa: se Nicola Murru dovesse recuperare al 100%, la prima scelta si imporrebbe sulla destra. Jacopo Sala ha disputato ottime partite quando chiamato in causa recentemente, è stato fra i migliori contro il Cagliari e se l’è cavata anche a sinistra contro la Spal. Non è dunque un azzardo pensare che potrebbe anche soffiare il posto da titolare a Bartosz Bereszynski. Ammesso che nel cuore del centrocampo tornerà a farla da padrone Albin Ekdal al posto di Ronaldo Vieira, il secondo dubbio riguarda la trequarti. Se Gaston Ramirez fosse in piena forma, partirebbe senza ombra di dubbio da titolare per lasciare a Riccardo Saponara gli ultimi venti minuti, come spesso fatto da Giampaolo.

Il problema principale sta nelle condizioni dell’uruguaiano, che ha saltato le precedenti tre partite e che difficilmente potrà essere al top della forma. Più facile quindi ipotizzare una staffetta – sempre che l’ex Middlesbrough venga ritenuto arruolabile per il match – con Saponara ancora il campo dall’inizio. Ultimo dubbio riguarda infine l’attacco, e in particolare le condizioni di Fabio Quagliarella. L’attaccante ha avuto un problema fisico a Ferrara, che lo ha spinto ad un’uscita precauzionale dal campo. In settimana è sembrato sulla via del recupero, ma non è scontato che il capitano blucerchiato possa partire titolare. Naturalmente sarà la rifinitura a dire l’ultima parola, ma se il classe ’83 non volesse rischiare un peggioramento delle sue condizioni si vedrà per la prima volta in stagione la coppa formata da Gregoire Defrel e Manolo Gabbiadini.