Giampaolo scaccia la crisi: «Derby nel momento migliore»

giampaolo sampdoria
© foto Db Bergamo 07/10/2018 - campionato di calcio serie A / Atalanta-Sampdoria / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Marco Giampaolo

Giampaolo crede nella Sampdoria, squadra in grado di venire fuori dai periodi negativi. Il derby? Arriva nel momento migliore

Marco Giampaolo ridimensiona il momento negativo che la Sampdoria sta attraversando. È normale avere dei cali e non sempre i numeri riflettono il valore in campo della squadra. I tanti gol subiti sono figli della disattenzione. Ma è necessario continuare ad essere ambiziosi. Ai microfoni della stampa, il tecnico blucerchiato analizza la situazione: «Il nostro campionato potrebbe andare meglio. Ma è ancora lungo e la squadra ha sempre saputo venir fuori dai momenti di difficoltà. Sono momenti che possono capitare a tutte le squadre, tranne alla Juventus. In queste ultime due giornate abbiamo fatto troppi errori e dobbiamo capire il perché. Forse è stata mancanza di attenzione. Joachim Andersen è un freddo di carattere, non credo possa farsi condizionare: i giocatori se sono forti, lo sono anche di testa» commenta a margine dell’evento che ha visto Massimiliano Allegri premiato con la panchina d’oro.

Si riparte dal Derby della Lanterna: «Il nostro obiettivo è migliorarci e fare meglio dell’anno precedente. Alzare l’asticella e superare se stessi. Dobbiamo essere ambiziosi, perché i sogni non vanno mai spezzati. Il derby vale tanto e arriva nel momento migliore. Sono contento quando si giocano queste partite. Europa League? Spesso la classifica si fa con gli investimenti, poi c’è chi è più bravo e spende meno costruendo una squadra migliore. La Fiorentina è un’ottima squadra, oltre a lei c’è il Torino e il Sassuolo che giocano un buon calcio. Sono squadre che hanno delle potenzialità. Ritengo che il campionato sia molto equilibrato, l’unica che si differenzia è la Juventus che decide quando e come vincere».


VUOI RESTARE AGGIORNATO SULLA SAMPDORIA? SCARICA LA NOSTRA APP!

Articolo precedente
andersenDeluSamp: la faccia di Andersen e la vergogna di Sala
Prossimo articolo
caprari pagelleCaprari è l’unico problema di Caprari: ma i fischi non sono necessari