Giampaolo, senti Vialli: «Bisogna iniziare dalla Coppa Italia»

© foto www.imagephotoagency.it

Vialli punta forte su Giampaolo: «È l’unico che può portare avanti la filosofia societaria»

Tra i tanti estimatori di Marco Giampaolo c’è l’ex attaccante della Sampdoria Gianluca Vialli. L’esito positivo del summit con la società è un segnale importante perché Giampaolo, da maestro di calcio, ha qualcosa che al club doriano serve: sa valorizzare i giovani e prepararli al salto nei grandi club. Intervistato in esclusiva ai microfoni di “A Tutta Samp” Vialli sottolinea l’importanza di avere un allenatore che in grado di dare delle conoscenze ai calciatori: «Giampaolo ha fatto veramente bene alla Sampdoria e mi auguro che rimanga a lungo perché credo sia l’allenatore giusto per ottimizzare la filosofia societaria. Riesce a valorizzare i giovani, i nuovi acquisti, per poi rivenderli mantenendo risultati di un certo tipo. È l’allenatore giusto perché chi compra i calciatori allenati da Giampaolo è conscio che sono in possesso di conoscenze tali da potersi inserire in ogni contesto».

Il faccia a faccia con Ferrero ha suggellato un importante sodalizio: «L’importante è che ci sia condivisione di progetti con la società e che questa ti appoggi, quando questo succede i giocatori ti seguono ed è più facile trasmettere la tua filosofia. Se non c’è l’appoggio della società diventa tutto più complicato. La stagione della Sampdoria è stata molto positiva, a tratti straordinaria, peccato che è mancata la continuità di risultati fuori casa. La missione è quella di migliorare i giocatori, renderli appetibili per le società. Credo che i tifosi si siano tolti delle soddisfazioni, peccato quel calo finale che lascia un po’ di amarezza e che non dovrebbe mai accadere. Obiettivi futuri? Bisognerebbe iniziare a puntare la Coppa Italia: si inizia sempre così, come abbiamo fatto noi. Quando inizi a vincere, poi ti puoi porre degli obiettivi più grandi».

Articolo precedente
garrone sampdoriaGarrone rimprovera Ferrero: «Stia attento alla storia della Samp»
Prossimo articolo
Un brasiliano in regia: occhi su Walace dell’Amburgo