Giampaolo sincero: «Mi aspettavo peggio»

Giampaolo commenta il pareggio nel derby: «La squadra mi è piaciuta, vedo un passo in avanti. Il Genoa nello sporco ha fatto di più, ma non siamo annegati»

Dopo il pareggio maturato nel Derby della Lanterna il tecnico della Sampdoria Marco Giampaolo ha analizzato la partita ai microfoni di Sky Sport: «È una partita diversa da tutte le altre, perché le emozioni che hai quando arrivi allo stadio e giochi questo tipo di partite sono diverse dalle altre partite. La valutazione della gara va fatta tenendo anche conto di questo. Siamo partiti bene, con grande personalità, ci siamo presi il centro del ring. Poi sull’1-1 abbiamo perso convinzione, avevamo meno serenità. La partita si è sporcata e il Genoa sullo sporco ha creato le sue situazioni. Noi oggi avevamo un centrocampo di qualità, ma non siamo mai affogati, la squadra ha tenuto. Nello sporco il Genoa qualcosa in più se l’è preso. Qualche errore nel tenere su la linea lo abbiamo commesso, ma la squadra comunque non mi è dispiaciuta, tenendo conto che siamo ancora convalescenti la squadra c’è stata».

Giampaolo ci tiene a difendere la propria squadra dalle critiche: «Ci manca serenità? Queste sono le partite più difficili, è dura avere serenità in queste gare. A mio avviso – ha continuato Giampaolo – la squadra un passo in avanti lo ha fatto. Poi i risultati e i punti ti danno più consapevolezza, più convinzione, in questo momento dobbiamo ritrovarne. La Sampdoria sa giocare le partite con qualità, queste sono partite che pesano, che si portano dietro tensioni diverse, particolari, dentro le quali devi saper stare. In questo senso la squadra mi è piaciuta, non è affogata. Poi è difficile quando vieni da tre sconfitte e devi giocare un derby perché pesa. Non puoi distrarti perché l’errore può pesare, ma mi aspettavo peggio, la squadra ha saputo lottare con le caratteristiche di cui dispone, non è mai arretrata».

Infine qualche giudizio sulle partite dei singoli: «Che Quagliarella facesse una grande partita lo sapevo, fin dalla vigilia. Lui sa giocare queste partite, sa prendersi le responsabilità di questa partita. Giocare una partita con due mezze ali come Praet e Jankto non è semplice Tenendo conto delle loro qualità posso dire che mi sono piaciuti. Avevo fuori Barreto e Linetty che forse sono giocatori più funzionali quando la partita scende più sul piano agonistico. Però dico che mi sono piaciuti. Alla fine ho forzato la partita anche con Saponara: Ramirez, finché è rimasto in campo, ha fatto una grande partita. A giocare con quella metà campo lì, con Saponara e i due attaccanti ce la siamo rischiata, ma questo perché io ho fiducia nella qualità dei miei calciatori».

Articolo precedente
Genoa-Sampdoria, le pagelle: Audero miracoloso, Andersen disastroso
Prossimo articolo
Ramirez sente il Natale: «Il rigore? Un regalo»