Connettiti con noi

News

Gravina: «No alla Superlega, Mancini ha un contratto sino al 2022»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Il presidente della FIGC Gabriele Gravina si schiera pubblicamente contro la Superlega. Le sue parole a Gazzetta dello Sport

Il presidente della FIGC Gabriele Gravina ha rilasciato un’intervista a Gazzetta dello Sport parlando di Superlega e del futuro della Nazionale. Le sue parole.

SUPERLEGA – «Sono assolutamente contrario alla Superlega. Il radicamento e la territorialità del nostro mondo devono essere salvaguardati. La Super Champions sia un fattore di sviluppo per tutti e allontani definitivamente lo spettro della Superlega».

SERIE A CON 18 SQUADRE- «Penso a una riforma da un punto di vista qualitativo, non quantitativo. Che riguardi tutto il sistema. Bisogna ritracciare il profilo dell’ area professionistica e di quella dilettantistica. Così si surriscalda troppo il sistema: ci sono turnover troppo alti, in Serie B a ogni stagione cambia il 40 per cento delle squadre. Una retrocessa dalla A alla B non ce la fa, non basta il paracadute. E allora si deve agire sulla redistribuzione delle risorse e della flessibilità degli emolumenti. La soluzione potrebbe essere quella di due gironi di B, in verticale, non orizzontale».

MANCINI – «Abbiamo un rapporto bellissimo, ci confrontiamo spesso e lo faremo anche in tempi brevi. Se avesse una proposta da un club non potremmo mai essere concorrenziali e ci confronteremmo, ma ha un contratto fino al 31 dicembre 2022 e ci porterà al Mondiale. Lavoriamo affinché rimanga anche dopo, mi sorprenderebbe se interrompesse».