Gravina: «Tamponi? Ogni quattro giorni non è sostenibile»

tampone coronavirus
© foto Twitter

Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, è tornato a parlare del tema dei tamponi e della necessità di un alleggerimento delle norme anti Covid

Il presidente della Figc, nell’intervento a margine del Premio Colalucci, ha parlato della necessità di un alleggerimento delle norme anti Covid soprattutto nella tempistica dei tamponi obbligatori.

LEGGI QUI L’INTERVISTA INTEGRALE

«Non è sostenibile. Non voglio entrare nel merito di valutazioni economiche e finanziarie che non mi appartengono, ma se si parla di tutela della salute cerchiamo di entrarci applicando anche criteri che la scienza porta avanti. Fatto ogni quattro giorni, come sottolineato dal verbale del CTS, il tampone e’ particolarmente invasivo e dannoso per le mucose dei nostri calciatori».