I consigli di Galliani: «No ai playoff. Servono misure di sostegno per le società»

Galliani
© foto www.imagephotoagency.it

Galliani: «La ripresa sarà lunga e difficile. Società? Ci si affidi alla migliore di società del mondo per fare la conta dei danni»

Adriano Galliani, attuale dirigente del Monza e con un grande passato al Milan, è intervenuto ai microfoni del Corriere dello Sport parlando della situazione attuale derivata dall’emergenza Coronavirus:

«Il cambiamento sarà, oltre che sociale, economico, le due cose sono evidentemente collegate. La ripresa sarà lunga, difficile, la riduzione dei consumi mi preoccupa. Playoff? «Sono per il rispetto del regolamento. Siamo partiti in un modo e in quel modo dobbiamo finire. Se non si dovessero completare tutte e 38 le giornate sarebbe giusto cristallizzare la classifica al momento dell’ultimo turno disputato. Calciatori, tecnici, staff e direttori sportivi sono lavoratori a tempo determinato, per questo hanno bisogno di misure di sostegno. Tagli stipendi? Ci si affidi alla migliore società di revisione del mondo, autonoma e indipendente, e le si chieda nei tempi corretti di fare la conta dei danni».