Il ricordo di Mantovani: le lettere della polizia a Wembley

paolo mantovani striscione
© foto Foto @SampNews24

Venticinque anni fa moriva Paolo Mantovani: le lettere inviate dalla polizia inglese dopo la partita di Wembley riassumono tutto ciò che il presidente è stato per la sua Sampdoria

Da quel 14 ottobre 1993, giorno che tutti i tifosi sampdoriani dalla trentina in su ricorderanno vividamente, sono passati ben venticinque anni. Venticinque anni fa se ne andava Paolo Mantovani, l’uomo che aveva fatto grande la Sampdoria in Italia e in Europa, l’uomo dai modi sempre gentili, paterni, dai giudizi a volte taglienti e dal cuore grande, il presidente che si era fatto amare dal pubblico doriano perché aveva saputo portare non solo giocatori e coppe in bacheca, ma perché aveva altresì contribuito in maniera fondamentale a creare quello stile Samp che ancora oggi è riconosciuto come uno dei lasciti più importanti della sua presidenza. Venticinque anni sono tanti, eppure il ricordo di Mantovani è più vivo che mai nella mente del popolo blucerchiato: il presidente per antonomasia ha lasciato un’impronta indelebile nella storia della Sampdoria, e ancora oggi i tifosi ne custodiscono gelosamente ogni singolo ricordo e aneddoto.

Proprio per questo motivo, anche i figli dell’imprenditore romano si sono sempre adoperati affinché la memoria del papà restasse ben presente e ferma. Con questo intento Francesca, Enrico, Filippo e Ludovica Mantovani hanno scelto di rendere pubbliche alcune lettere arrivate in sede e indirizzate proprio al presidente doriano dalla polizia inglese dopo la finale di Coppa dei Campioni persa a Wembley contro il Barcellona. In queste missive singoli agenti di polizia che avevano prestato servizio la giornata del 20 maggio presso lo stadio londinese si complimentavano con il presidente e con tutta la tifoseria blucerchiata per l’impeccabile comportamento tenuto prima, durante e dopo il match. Addirittura una lettera di ringraziamento e ammirazione fu inviata dal Finance & Marketing Director dell’aeroporto dell’East Midlands, che aveva ospitato l’arrivo di diversi sostenitori doriani. Tre lettere, riportate con un post su Facebook da Ludovica Mantovani, che rendono perfettamente l’idea, attraverso gli occhi di persone assolutamente estranee, di cosa abbia rappresentato Paolo Mantovani per la Sampdoria e per la storia del calcio. Leggerle aiuterà a capirlo, se mai ce ne fosse bisogno, ancora più a fondo.

1. Le lettere da Oltremanica per Mantovani

2. Le lettere da Oltremanica per Mantovani

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Già 25 anni. Ci manchi, Presidente. ❤️ @unionecalciosampdoria

Un post condiviso da SampNews24 (@sampnews24) in data:

Articolo precedente
Viterbese SampdoriaSamp, ricordi la Viterbese? Il suo campionato non esiste
Prossimo articolo
cassano sampdoriaI gol più belli di Cassano alla Sampdoria – VIDEO