Il sogno diventa realtà: la data del Flachi Day

Flachi sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Flachi ce l’ha fatta: la partita di addio al calcio e ai tifosi della Sampdoria si farà a Genova, ecco quando e dove

Sono passati ben 15 anni esatti da quando Francesco Flachi fece impazzire i tifosi della Sampdoria in trasferta a Perugia e quelli incollati alla televisione con una doppietta da urlo in rovesciata al “Renato Curi”. Gesti atletici poi replicati in altre partite dall’ex numero 10 blucerchiato, e che sono divenuti simboli del suo trascorso alla Sampdoria. Ciò che a Flachi non è mai andato giù, però, è che non si sia mai organizzata quella festa, l’ormai famoso “Flachi Day“, che avrebbe dovuto sancire l’addio sul campo dell’ex numero 10 ai suoi sostenitori, un’occasione per concedere a se stesso e ai tifosi della Sampdoria un piccolo tuffo nel passato.

Adesso però, come raccontato dallo stesso Flachi a Blucerchiando, il sogno è diventato realtà: a fine maggio – la data è ancora da stabilire -, sul campo della Sciorba, Flachi saluterà i propri tifosi con la partita d’addio che ha sempre sognato di organizzare. Prima di parlarne, però, spazio a qualche ricordo e qualche aneddoto che spiegano il suo legame viscerale con i colori blucerchiati: «L’anno in cui salimmo in Serie A ero la quinta punta, non iniziò bene per me. Poi dopo le prime otto partite, in cui feci gol e assist partendo dalla panchina, Novellino venne da me e mi disse “Scusa, ho sbagliato con te”. Da lì è iniziato questo amore eterno che dura ancora. Un amore che dura anche con i tifosi, esploso dopo la scelta di non andare al Monaco». Ma veniamo al Flachi Day: «La data non è ufficiale, ma ufficiosa: giocheremo a fine maggio, quando sarà finito il campionato. Il campo sarà quello della Sciorba. Se ci saranno sei-settemila persone potremo fare una bella cosa». Qui il video completo dell’intervista.

 

Articolo precedente
ferrero sampdoriaOfferta da Londra: fondi inglesi per acquistare la Sampdoria
Prossimo articolo
pairetto moviolaSampdoria-Parma affidata a Pairetto: è l’incubo di Andersen