Inter-Sampdoria, le pagelle: Thorsby tuttofare, male Ramirez

thorsby inter sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Inter-Sampdoria, le pagelle del match: Thorsby tuttofare, Ramirez evanescente. Primo tempo disastroso in difesa

INTER-SAMPDORIA: LA CRONACA DEL MATCH
INTER-SAMPDORIA: LA MOVIOLA DEL MATCH

Audero 5,5 – Incolpevole su entrambi i gol, propiziati dagli errori difensivi. Fa quello che può. Nel secondo tempo un solo brivido degno di nota, complica la crescita progressiva della squadra di Ranieri.

Bereszynski 5,5 – Una premessa è doverosa, il 3-5-2 non è un modulo a lui congeniale. Sul primo gol l’errore tecnico è scivolare su Lukaku, liberando lo spazio che permette all’attaccante nerazzurro di scambiarsi il pallone con Eriksen e segnare. Una prestazione difficile da giudicare invece a livello fisico essendo tutta la Sampdoria sulle gambe e in balia dell’avversario per tutto il primo tempo. Migliora nettamente nella ripresa.

Yoshida 5,5 – Sull’azione del secondo gol Lukaku fa quello che vuole e serve i compagni di squadra liberi in area. Scarsa l’opposizione da parte del difensore giapponese sui portatori di palla. A livello fisico vale lo stesso discorso fatto per Bereszynski, l’affaticamento è generale. Anche per lui miglioramento netto nella seconda frazione di gioco.

Colley 6 – Della difesa è sicuramente quello che sembra fisicamente messo meglio. Il raddoppio su Lukaku è in leggero ritardo. Le colpe in difesa però sono da dividere su tutto il reparto, con ampia partecipazione del resto della squadra che non riesce a prendere i tempi all’Inter. Nella ripresa partecipa attivamente all’azione da gol, colpendo la traversa che poi propizia il gol di Thorsby.

Thorsby 6,5  Giocatore generoso e molto energico. Fisicamente non è ancora al top e patisce molto nella prima mezz’ora di gioco. Nella ripresa sfrutta il rimbalzo sulla traversa  per accorciare la distanza con un gol prezioso. Cresce costantemente nel corso del secondo tempo diventando uomo a tutto campo, complice anche il calo dell’Inter.

Linetty 6 – Opaco, come il resto della squadra. La forma fisica arriverà con il tempo, non compie errori tecnici ma fatica contro lo strapotere fisico dell’Inter (dal 81′ Vieira 6 – Nessun errore).

Bertolacci 5 – Nella prima frazione di gioco non convince, lento e macchinoso. Dopo il cambio modulo migliora leggermente la sua prestazione, ma del centrocampo è il giocatore che sicuramente fa più fatica a tenere il ritmo partita (dal 81′ – Askildsen 6 – Entra in una fase della partita molto complicata e viene subito chiamato in causa, qualche incertezza dovuta all’esordio ma la voglia è da premiare).

Jankto 5,5 – Il più propositivo del primo tempo, si trova spesso solo in attacco senza avere la possibilità di servire qualche compagno. Cala nella seconda frazione di gioco, complice una forma fisica ancora da perfezionare (dal 69′ Depaoli 6 – Entra molto fisico e carico).

Murru 6 – Una prestazione tutto sommato sufficiente. Anche lui patisce molto le sortite offensive degli esterni dell’Inter. Cresce nella ripresa, andando anche al tiro dalla distanza.

Ramirez 5 – Il primo tiro arriva al 45esimo minuto, sfruttando un errore di Gagliardini. Il pallone è sul suo piede preferito, ma il trequartista blucerchiato spreca tutto calciando altissimo sopra la traversa. Nel secondo tempo non pervenuto, se non per il battibecco in Lautaro (dal 69′ Leris 5,5 – Prova a proporsi con scarsi risultati. Conclusione di potenza sulla punizione, ben calciata).

La Gumina 5,5 – In duo con Ramirez non brilla, quando viene lasciato da solo – dopo il cambio modulo operato da Ranieri – fatica ma non si lascia scoraggiare. Sulla forma fisica vale lo stesso discorso per tutti gli undici giocatori in campo, serviranno ancora diverse partite per recuperare la tenuta (dal 75′ Bonazzoli 5,5 – Ottime idee, scarsi risultati).