Connettiti con noi

Hanno Detto

Italia, Capello: «Serve l’umiltà dell’Europeo. Macedonia abbordabile»

Pubblicato

su

Fabio Capello ha parlato in vista dei playoff Mondiali che disputerà l’Italia: le sue parole sugli Azzurri di Mancini

Fabio Capello, in una intervista a La Gazzetta dello Sport, ha parlato in vista degli impegni dell’Italia nei playoff Mondiali.

MACEDONIA – «La a Macedonia un ostacolo serio? Diciamo che la Macedonia è un passaggio obbligato. Dobbiamo vincere, lo sappiamo, e ci riusciremo se avremo la voglia e l’umiltà che abbiamo mostrato in Inghilterra dalla prima partita fino alla finale di Wembley. La grande concentrazione che non ci ha mai abbandonato. Con tutto il rispetto per i macedoni, che sono una buona squadra, non possiamo pensare che siano un ostacolo insuperabile sulla strada del Mondiale. Non si può perdere questa partita. Il rivale vero è quello che troveremo in finale, Portogallo o Turchia». 

PORTOGALLO O TURCHIA – «Il Portogallo è più difficile. La Turchia è una buona squadra, ma sinceramente mi sembra più abbordabile. Temo invece il Portogallo perché ha una grandissima qualità individuale dal centrocampo in su. Leggevo che potrebbe essere senza Pepe: sarebbe un’assenza fondamentale, perché è come togliere Chiellini all’Italia. Importantissimo». 

CRISTIANO RONALDO – «Io sono uno di quelli che pensa che sarebbe meglio se non giocasse. Anche nel giorno in cui gioca male, o sembra assente, è comunque uno che ti fa stare sempre con il fiato sospeso, che crea sempre l’occasione pericolosa. Può far gol in ogni momento perché sa trovare lo spiraglio giusto. Ronaldo meglio non averlo contro».