Jankto dipinge gol: «Sono venuto per segnare»

jankto sampdoria
© foto SampNews24

Jankto si racconta, tra la pittura e gli obiettivi personali: «Cerco sempre la porta»

Jakub Jankto è consapevole che la Sampdoria avrà bisogno di lui per impostare la manovra offensiva. Carlo Osti l’ha sottolineato e il centrocampista si sente pronto per trascinare la squadra alla vittoria. Sulle pagine del Secolo XIX, Jankto si racconta iniziando dal suo hobby, la pittura: «Dipingo quello che capita, in genere ritratti moderni di personaggi che mi ispirano. Calciatori, sportivi, cantanti, attori. Non ho un soggetto fisso, seguo l’ispirazione. I gol? La Samp credo mi abbia preso per questo. Per cercare di verticalizzare, segnare e creare occasioni per i compagni. Il gioco del calcio è fatto per cercare la porta, quindi io la cerco sempre. Poi Giampaolo fa un gioco molto ragionato, con palla bassa e tanti passaggi, e bisogna imparare la velocità e la lucidità. Io gioco dappertutto, mi adatto. Posso anche giocare sulla trequarti o esterno sinistro nei 5 di centrocampo come in Nazionale. Mi trovo molto bene con Dennis Praet e i compagni, sono pieno di entusiasmo perchè la squadra è giovane e ci sono tanti giocatori forti, si vede».

«Schick? Mi ha detto solo cose positive. Mi ha fatto un quadro ottimo e infatti ho scelto di venire entusiasta. Chi è più forte? Diciamo che abbiamo talento ma caratteristiche troppo diverse. Ora con il transfer di Ronaldo alla Juve la mia opinione, e credo quella di molti giovani, è cambiata. Quella di CR7 è una scelta che rilancia in modo pazzesco la Serie A nel mondo. Lui non è solo un top, è un uomo-marchio che scegliendo l’Italia manda un messaggio al mondo. E chi vuole andarsene ora che c’è lui? Io di certo no, anzi non vedo l’ora di sfidarlo. Se capisco Giampaolo? Ogni allenatore ha il suo vocabolario. Quello che era impossibile da capire è Delneri quando ci parlava in friulano stretto. Lui sì che era difficile! Sono stato bene con Delneri e mi spiace essere venuto alla Samp senza averlo più sentito».

Articolo precedente
Osti SampdoriaOsti crede in Jankto: «Con lui faremo il salto di qualità»
Prossimo articolo
cristian brocchiBrocchi su Bonazzoli: «Ha qualità, ma quante pressioni». E quel patto a Brescia…