Jankto e gli errori arbitrali: «Dobbiamo essere più furbi»

Jankto dopo Sampdoria-Cagliari: «Dobbiamo lottare per l’Europa». E sul mancato rosso a Deiola: «Facciamoci più furbi»

SAMPDORIA-CAGLIARI: LE PAGELLE
SAMPDORIA-CAGLIARI: GLI HIGHLIGHTS
SAMPDORIA-CAGLIARI: LA FOTOGALLERY

Con un recupero in extremis, Jakub Jankto è riuscito a rientrare nella lista dei convocati per Sampdoria-Cagliari e oggi pomeriggio, davanti al pubblico del “Ferraris”, ha offerto una buona prestazione, andando anche vicino al primo gol stagionale in Serie A. Il centrocampista ceco si dice soddisfatto dell’1-0 conquistato oggi contro i sardi: «Una vittoria molto importante, dopo tre sconfitte consecutive la stavamo cercando e volevamo ottenerla a tutti i costi. Loro nel primo tempo cercavano i contrasti duri, giocavano sporco e lo sapevamo, poi piano piano hanno perso un po’ di forza e nella ripresa abbiamo provato qualcosa di diverso. Hanno sofferto, sembrava che non sapessero più come difendere, poi è arrivato quel rigore che abbiamo sfruttato». 

«Ho avuto un’occasione clamorosa nel primo tempo – prosegue in mixed zone – ma purtroppo non sono riuscito a metterla dentro. Sono contento soprattutto per la vittoria, dopo tre sconfitte non tutto viene facile. Europa? Se la classifica dice così, dobbiamo combattere per questo obiettivo. Siamo una squadra forte, in cui tutti possono giocare titolari. Anche la scorsa partita contro l’Inter stavamo cercando di vincerla, poi un episodio ti sega le gambe. Spal? Ogni punto è troppo importante e alla fine risulterà decisivo». Un’ultima battuta sull’episodio della mancata esplusione di Alessandro Deiola, solamente ammonito per un brutto intervento ai danni di Dennis Praet: «Non ho visto nulla – chiarisce Jankto – se non 10 giocatori del Cagliari che parlavano con l’arbitro. In questo noi dobbiamo migliorare, poteva già essere un momento decisivo per la partita. Dobbiamo farci più furbi».