Kownacki, Polonia in ansia: «Perché non è titolare?»

kownacki sampdoria
© foto Valentina Martini

In Polonia sale la preoccupazione per Kownacki in vista degli Europei U21: «Perché non è titolare?»

L’attenzione verso l’attuale situazione di Dawid Kownacki è altissima in Polonia. Dopo l’attacco inferto ieri alla stampa polacca, la stellina della Nazionale U21 continua a far parlare di sé per lo scarso minutaggio con la maglia della Sampdoria. Il classe ’96 è molto vicino ad un trasferimento, probabilmente in Bundesliga al Fortuna Dusseldorf – non è rientrato, infatti, tra i convocati per la Fiorentina – e tutti in patria si chiedono se possa arrivare nelle condizioni ottimali a disputare i prossimi Europei di categoria, in programma a giugno tra Italia e San Marino.

Il commentatore sportivo Mateusz Borek, ai taccuini di przegladsportowy.pl, ha espresso il suo disappunto verso lo scarso impiego di Kownacki all’ombra della Lanterna: «Sono preoccupato. Per il suo numero di partite, di minuti e di gol. E adesso anche per la sua situazione nella Samp. Perché, pur avendo mostrato grande crescita, si è trovato fuori dagli undici titolari? Un improvviso calo di forma, un conflitto con l’allenatore, qualche parola di troppo o forse un trasferimento già deciso? Voglio credere in questo ultima ipotesi».

«Kownacki è una delle figure più importanti della Polonia U21 – ricorda Borek – capitano e miglior marcatore delle qualificazioni. Ha talento, sicurezza, abilità e minuti in prima squadra. Ha giocato anche ai Mondiali. Ha sguardo analitico sul gioco, consapevolezza della sua professione. Eppure qualcosa si è bloccato». Già dalle prossime settimane si dovrà registrare un’inversione di rotta: «Deve credere nel trasferimento, il suo agente deve lavorare duro, rapidamente ed efficacemente. Il Fortuna Dusseldorf non ha ancora rinunciato a Dawid. Il calcio è generalmente una questione di numeri, senza minuti e gol in campionato Kownacki non potrà essere efficace agli Europei U21», conclude preoccupato l’opinionista.