Lanna sprona Giampaolo: «Ha scelto un gruppo, ma si può anche cambiare»

Giampaolo Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex blucerchiato Lanna, ai microfoni di “Forever Samp” sulla situazione della Sampdoria: le parole di Giampaolo, le voci su Torreira e gli impegni contro Chievo e Atalanta

L’ex blucerchiato Marco Lanna cerca di spiegare, ai microfoni di “Forever Samp”, la situazione di crisi della Sampdoria. All’orizzonte ci sono quattro partite importanti, due trasferte ravvicinate contro Chievo e Atalanta, il Derby della Lanterna in casa e la partita contro la Juventus a Torino. Fare punti è importante per evitare di buttare via il buon lavoro fatto fino ad oggi e bisogna iniziare proprio dalle due trasferte. La Sampdoria, lontano dal “Ferraris” fa fatica ma è indispensabile cambiare la rotta: «La partita con il Chievo sarà fondamentale al pari di quella contro l’Atalanta per capire lo stato della Sampdoria e con quale mentalità si presenta in questo finale di campionato. Potrebbero essere partite chiave, contro squadre affamate di punti e risultati. Contro l’Inter, in casa, i blucerchiati erano reduci da una sconfitta bruciante contro il Crotone, c’erano tutti gli elementi per stimolare la squadra. Al contrario è sembrata una squadra che non avesse né stimoli, né la voglia di fare bene».

Cosa sta distraendo questa Sampdoria? Ci sono tante voci di mercato su parecchi giocatori, Giampaolo e la sfuriata post Inter, le poche alternative. Secondo Lanna è un misto di queste situazioni: «I ragazzi giovani possono essere condizionati dalle voci di mercato, sono professionisti e non si tirano indietro nei contrasti, ma la testa può anche andare altrove. Torreira è tra i diffidati – da parecchie settimane – ci poteva stare un’ammonizione tattica nelle scorse partite. Giampaolo cerca di far crescere i giocatori e farli migliorare, con Murru ha ancora tanto da lavorare sui tempi, sulla disciplina tattica. Andersen probabilmente non lo ritiene ancora pronto, ma obiettivamente qualche occasione potrebbe dargliela. È un allenatore che ha scelto un gruppo, anche se il modulo non gli dà molte alternative in rosa. Le dichiarazioni del tecnico, dopo la partita contro l’Inter, sono state pesanti ma vanno valutate in un momento di difficoltà: forse è stato un modo per frenare questa voglia di parlare di mercato in questo momento della stagione».

Articolo precedente
kownacki poloniaKownacki, messaggio a Nawalka: subito in gol con la Polonia U21
Prossimo articolo
ferrari sampdoriaFerrari, panchina a Wembley e rientro: subito testa alla Sampdoria