Lazio Sampdoria, difesa a tre non convince: il punto verso l’Atalanta

Iscriviti
parma sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Claudio Ranieri ha operato un cambio all’intervallo passando dal 3-4-1-2 al consueto 4-4-2: bocciata la difesa a tre?

La formazione iniziale di Claudio Ranieri, sulla carta, sembrava ottima per affrontare la Lazio. La Sampdoria si è schierata a specchio, con la difesa a tre, centrocampo folto e di esperienza, dove troneggiavano Albin Ekdal e Adrien Silva, attacco di lusso con Gaston Ramirez dietro a Fabio Quagliarella e Keita Balde.

Il cambio in difesa però non convince Ranieri che, all’intervallo, decide di passare dal 3-4-1-2 al 4-4-2 con l’uscita di Maya Yoshida e l’accentramento di Alex Ferrari con Omar Colley, coppia inedita in questa stagione. Sull’esterno destro ingresso a partita in corso per Bartosz Bereszynski e ritorno in linea con i difensori per Tommaso Augello. Contro la Lazio la difesa a tre non ha funzionato, sebbene nel primo tempo (fino al gol di Luis Alberto) non siano state tante le occasioni della Lazio. Ranieri rifletterà se riproporla anche contro l’Atalanta.