Lazio-Sampdoria è social: laziali contro Ferrero, furia blucerchiata

strinic punto
© foto www.imagephotoagency.it

Lazio-Sampdoria, si gioca anche sui social: tifosi biancocelesti salutano Ferrero, i blucerchiati chiedono rispetto per la maglia

Un’ennesima brutta prestazione in trasferta per la Sampdoria. Sebbene non sia contro la Lazio che la squadra blucerchiata debba fare il risultato, prendere quattro gol – nel modo in cui sono arrivati -, ha fatto male ai tifosi della Sampdoria che ormai vedono sfumare il sogno Europa League. Sui social non solo i protagonisti della sfida lasciano i loro commenti sulla gara terminata 4-0 per i biancocelesti: ci sono anche i tifosi della Roma che si chiedono come è possibile aver perso contro la Sampdoria e ci sono quelli dell’Inter che si rammaricano per il risultato. I laziali chiamano in causa Ferrero, per la sua nota fede giallorossa, i blucerchiati chiedono risposte ai giocatori soprattutto per rispetto della maglia che indossano: nel mirino Caprari e Strinic considerati i peggiori del match. Ecco tutti i commenti raccolti sui social!

1. Lazio-Sampdoria è social

2. Lazio-Sampdoria è social

3. Lazio-Sampdoria è social

4. Lazio-Sampdoria è social

5. Lazio-Sampdoria è social

6. Lazio-Sampdoria è social

7. Lazio-Sampdoria è social

8. Lazio-Sampdoria è social

9. Lazio-Sampdoria è social

10. Lazio-Sampdoria è social

11. Lazio-Sampdoria è social

12. Lazio-Sampdoria è social

13. Lazio-Sampdoria è social

14. Lazio-Sampdoria è social

15. Lazio-Sampdoria è social

16. Lazio-Sampdoria è social

17. Lazio-Sampdoria è social

18. Lazio-Sampdoria è social

19. Lazio-Sampdoria è social

20. Lazio-Sampdoria è social

21. Lazio-Sampdoria è social

22. Lazio-Sampdoria è social

23. Lazio-Sampdoria è social

24. Lazio-Sampdoria è social

25. Lazio-Sampdoria è social

26. Lazio-Sampdoria è social

27. Lazio-Sampdoria è social

28. Lazio-Sampdoria è social

29. Lazio-Sampdoria è social

30. Lazio-Sampdoria è social

Articolo precedente
Andersen SampdoriaNota lieta in un match da dimenticare: Andersen si conferma
Prossimo articolo
Da punto di forza a tallone d’Achille: la difesa è un disastro