Lazovic: «Giocare contro la Sampdoria? Una sciocchezza»

lazovic depaoli sampdoria hellas verona
© foto www.imagephotoagency.it

Il centrocampista del Verona ripensa alla trasferta del “Ferraris”: «Una sciocchezza giocare. Gabbiadini e mezza Sampdoria sono stati contagiati»

Col senno di poi, Sampdoria-Verona non si sarebbe mai dovuta giocare. L’8 marzo, agli albori dell’emergenza Coronavirus in Italia, le due formazioni sono invece scese in campo al “Ferraris”: «Pensandoci è stata una sciocchezza giocare – le parole del centrocampista gialloblù Darko Lazovic – abbiamo ubbidito. Gabbiadini e mezza Sampdoria contagiati, e poi Zaccagni. Non è stata una grande esperienza, però al tempo non si sapeva, non si conosceva questa terribile pandemia. Forse c’era poca informazione e confusione nelle decisioni».

L’ex Genoa ricorda anche il viaggio a vuoto fino in Liguria: «Eravamo già stati a Genova. Per niente, perché ci fecero tornare indietro. Poi in quell’occasione, senza pubblico, forse non giocammo al meglio. Un grande primo tempo, ma poi la Samp ebbe una reazione forte. Forse il 2-1 è stato troppo pesante, ma alla fine la testa era da un’altra parte», ha concluso Lazovic a L’Arena.