Le donne contro Ferrero: «Profondo disgusto, ora chieda scusa»

Ferrero Osti
© foto Valentina Martini

L’Associazione Nazionale Atlete accusa il presidente della Sampdoria dopo la frase shock pronunciata al termine del derby con il Genoa: «La porta è come la donna, va penetrata»

La frase pronunciata da Massimo Ferrero al termine del Derby della Lanterna ha suscitato scalpore e polemica nel mondo dello sport. Il controverso paragone tra porta di calcio e donna non è passato inosservato specialmente a chi non lo ha ritenuto giustificabile malgrado si trattasse di un commento a caldo, velato dallo spirito ironico che contraddistingue la personalità del presidente della Sampdoria. A sollevare l’attenzione su tale dichiarazione è stata Luisa Rizzitelli, numero uno di Assist, Associazione Nazionale Atlete, attraverso un duro messaggio pubblicato su Facebook«Esprimiamo il più profondo disgusto per la frase pronunciata da Ferrero, presidente della Sampdoria. Chieda scusa non solo a tutte le donne, ma a chiunque abbia a cuore il rispetto tra i generi. Questa frase, retriva e indegna, ci fa arrabbiare ancor più perché pronunciata da un individuo che dovrebbe rappresentare un’eccellenza dello sport. A questo riguardo, chiediamo alla procura federale della FIGC di valutare adeguati provvedimenti per l’uso di un linguaggio inaccettabile e inqualificabile sia per gli uomini che per le donne e non solo per quelli che amano il calcio».

“Esprimiamo il più profondo disgusto per la frase pronunciata da #Ferrero, presidente della #Sampdoria. Chieda scusa non…

Gepostet von Assist – Associazione Nazionale Atlete am Sonntag, 8. April 2018

Articolo precedente
Sampdoria, il VAR ti aiuta? La classifica dei favori arbitrali
Prossimo articolo
giampaolo sampdoriaGiampaolo sibillino: «Contento alla Sampdoria, il futuro non si può prevedere»