Le pagelle di Juventus-Sampdoria 4-1: Praet delizioso, Alvarez prevedibile

alvarez chievo-sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Puggioni 5,5: Pronti via e tempo 8 minuti i palloni da raccogliere dal fondo della rete sono due, due gol fotocopia colpa di una difesa che sui palloni alti nonostante due colossi fatica inspiegabilmente. Sul terzo gol diverse responsabilità mentre il quarto è un’ulteriore copia. Di buono c’è l’ottimo intervento su Higuain, fatto di istinto.

Sala 5,5: La sua unica fortuna è che Cuadrado giochi dall’altra parte e che sia Evra che Alex Sandro spingano poco. Sul pressing è costantemente in difficoltà, non riesce mai a salire per proporsi ed è molto impreciso nei passaggi.

Silvestre 5,5: La coppia di clienti di questa sera non è dei più facili e dopo pochi minuti la frittata è già fatta con Mandzukic che scappa alla marcatura e in tuffo fa 1-0. Il resto della partita è un continuo controllo dei movimenti dei due attaccanti, qualche buona chiusura e tanti passaggi frettolosi dati dal continuo pressing bianconero.

Skriniar 6: L’ultima volta allo stadium durò 20 minuti e con un cartellino rosso sul groppone, la prestazione di questa sera è decisamente più convincente: niente di trascendentale, ma qualche buona chiusura sui dialoghi al limite è arrivata dal suo piedone, non ci si può lamentare.

Regini 5,5: I primi 25′ sono un trauma, ma di quelli brutti: Cuadrado è una furia, fa quello che vuole quando vuole e se lo vuole, poi fortunatamente il Capitano si riassesta e riesce a contenerlo risollevando anche il voto che sarebbe stato molto più severo.

Barreto 6: L’unico superstite del centrocampo vittorioso nel Derby, lascia subito la testa sul campo su un contrasto con Evra e con un vistoso turbante soffre come tutti i suoi compagni ma non fa mancare l’impegno, uno dei più positivi dei suoi.

dal 29’st Djuricic sv: Seconda presenza dopo il debutto nel Derby, piano piano sta guadagnando posizioni nelle gerarchie.

Cigarini 5,5: Il calcio giocato manca da un po’ e la continuità anche: prova qualche volta la giocata interessante ma la difesa bianconera è troppo collaudata per farsi sorprendere.

Praet 6,5: Senza ombra di dubbio la cosa migliore della serata: si sbatte in difesa, si propone in avanti, prova a creare per i compagni e poi su una sua ottima lettura in pressing confeziona l’assist per Schick che vale l’unico sorriso della serata.

Alvarez 5: L’unica giocata da annotare uscita dai suoi piedi è un tiro da oltre 30 metri che si spegne sul fondo. Mai in partita, completamente fagocitato dalla difesa juventina.

Budimir 5,5: Tanto movimento e sul suo piede probabilmente l’occasione più ghiotta della partita: Bonucci gli nega la gioia del primo gol in Serie A, un gran peccato.

dal 15’st Quagliarella 5,5: Entra nel miglior momento della Samp per provare a sfruttare l’inerzia e magari pareggiare ma tempo 3 minuti e la Juve fa il 3-1 con Pjanic e poi chiude il match con Chiellini. Gioca pochissimi palloni, sfruttandoli non benissimo.

Schick 6: Lui la prima gioia la trova su ottima giocata di Praet, tanto movimento anche per lui, potrà sicuramente tornare utile in futuro.

dal 15’st Muriel 5,5: Bonucci, Chiellini e Dani Alves sono tutt’altra cosa rispetto a Orban, Izzo e Burdisso. Ha una buona occasione sul chiede ma l’esperienza di Bonucci gli nega il possibile gol del 3-2. 

Giampaolo 5,5: L’entusiasmo del Derby vinto poteva essere sfruttato decisamente meglio, ma capiamo le sue scelte di formazione in vista della prossima sfida decisamente più abbordabile. L’atteggiamento però, quello non ci è piaciuto, la Samp è scesa in campo già battuta e dopo 8 minuti la musica era già chiara.

Gli Avversari: Neto 6; Dani Alves 5,5, Bonucci 6,5, Chiellini 7,5; Cuadrado 7, Pjanic 7,5, Marchisio 6,5, Khedira 6, Evra 6, Alex Sandro 6, Higuain 6, Lemina sv, Mandzukic 6,5

Articolo precedente
Tragedia allo Juventus Stadium: poker bianconero, pochezza blucerchiata
Prossimo articolo
Chiellini: «Fa sempre piacere segnare, buon segnale a inizio gara»