Connettiti con noi

Hanno Detto

Lecce, Sticchi Damiani: «Indice di liquidità? Penso questo»

Pubblicato

su

Sticchi Damiani, presidente del Lecce, ha parlato a Radio Anch’io Sport sulle frequenze di Rai Radio 1 sulla stagione dei giallorossi

Non solo la Cremonese si gode l’approdo in Serie A, anche il Lecce è pronto a tornare nella massima serie italiana. Sticchi Damiani, presidente della squadra salentina, ha parlato a Radio Anch’io Sport: le sue parole sull’indice di liquidità.

LECCE – «Risultato straordinario perché la squadra avendo delle giuste ambizioni, era stata costruita da tanti giovani e di proprietà per scelta. E’ stato un anno difficile visto anche le avversarie competitive che vi erano. Il nostro progetto parte in casa, la maggior parte di noi è legata al territorio, e questo è in controtendenza da quello che sta accadendo con i vari fondi stranieri che ci sono».

SERIE A – «Noi ci siamo dati un’organizzazione molto strutturata. Siamo attenti alla costruzione professionale del club. Abbiamo uno dei migliori direttori sportivi a livello mondiale. Continueremo a lavorare come fatto fino ad ora puntando sui giovani di proprietà».

BARONI – «In realtà questi giorni siamo stati tutti concentrati sul campionato. E’ stato anomalo visto che fino all’ultimo siamo stati in lotta per la promozione. Ora ci mettiamo a ragionare sul futuro. Sarà tutto da stabilire. Abbiamo il vantaggio di partire a costruire da maggio».

SOCIETA’ – «Abbiamo fatto entrare altri due soci di minoranza quindi sotto questo punto di vista non cambierà nulla. Indice di liquidità? Io sono d’accordo, noi a Lecce siamo abbastanza tranquilli e noi siamo sempre andati avanti senza debiti, tolti gli ultimi due anni che con il Covid ha tolto certezze. Tornare in Serie A può aiutare ad accelerare. Ben vengano gli indici per non alterare l’equilibrio».