Linea verde Sampdoria: è da record in Serie A

Sampdoria diretta
© foto www.imagephotoagency.it

La rivoluzione di mercato di questa estate porta la Sampdoria sul podio delle squadre più giovani in Serie A: meglio solo Fiorentina e Udinese

La Sampdoria che giocherà la prossima stagione sarà una squadra molto interessante da scoprire, a metà fra la continuità e il rinnovamento: la continuità sarà garantita dalla presenza di Marco Giampaolo sulla panchina doriana, una continuità dunque di modulo e di progetto che costituisce la base per fare bene nel lungo periodo; il rinnovamento è invece dato dall’importante ricambio generazionale della rosa, che è stata letteralmente smontata dei perni che negli anni scorsi hanno costituito l’ossatura della squadra. Sì, perché in questo calciomercato la Samp ha operato una piccola rivoluzione, cedendo i giocatori che ormai da tempo indossavano la maglia doriana e sostituendoli con un mix di giocatori già affermati e di giocatori più acerbi, ma promettenti; il minimo comune denominatore di queste operazioni, però, è sempre stato uno: la giovane età.

Basta pensare alle operazioni che hanno riguardato due leader della squadra: hanno lasciato Genova Viviano (classe ’85) e Silvestre (classe ’84), sostituiti con Audero (classe ’97) e Colley (classe ’92). Un guadagno di 20 anni totali, senza contare che hanno salutato poi anche Alvarez (’88) e Strinic (’87). Sono poi arrivati Jankto e Tavares (entrambi ’96), Alex Ferrari (’94), Defrel (’91) e Vieira (’98). In questo momento, dunque, la rosa della Sampdoria è stata svecchiata di molto: l’età media si attesta sui 24,8 anni, il che fa della formazione blucerchiata la terza più giovane della Serie A dopo Fiorentina (24,2 anni) e Udinese (24,7). Gli unici a superare la soglia dei trent’anni, ricorda il Secolo XIX, sono adesso Barreto e Quagliarella: solo due elementi dunque, record assoluto nel massimo campionato italiano. Insomma, la direzione presa dalla dirigenza doriana è chiarissima: disporre di una rosa giovane in tutti i reparti, cosa che si traduce in un patrimonio di giocatori più appetibile sul mercato. I conti in regola e il progressivo rafforzamento della squadra, per il momento, danno ragione a Ferrero.

Articolo precedente
ekdalSampdoria, ecco Ekdal: titolare a tempo per far crescere Vieira
Prossimo articolo
mustafiMustafi svela: «All’inizio non volevo venire alla Samp»